mercoledì, 27 Ottobre 2021

Russia, divieto di sorvolo per aerei europei che aggirano la Bielorussia. Mosca: “Questioni tecniche”

La Russia dopo aver bloccato voli europei che hanno aggirato la Bielorussia, parla di "tempi più lunghi" per gli stessi.

Da non perdere

La Russia giustifica il suo provvedimento come una “garanzia di sicurezza aerea”. “Si tratta di questioni tecniche” riferisce il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov ai giornalisti, commentando il blocco dell’ingresso nello spazio aereo russo alle compagnie europee che scelgono rotte alterative allo spazio bielorusso all’indomani del dirottamento del volo RyanAir su Minsk. L’alto rappresentante della politica estera dell’Ue, Josep Borrell riferisce “Ancora non è chiara la linea russa sugli aerei europei che aggirano la Bielorussia. La scelta della Russia di bloccare all’ingresso del Paese i voli europei mira a sostenere le posizioni della Bielorussia nel caso del cambio di rotta del volo Atene-Vilnius su cui erano a bordo il giornalista dissidente Roman Protasevich e la sua compagna russa Sofia Sapega.

Nella giornata di ieri sono stati bloccati due voli dall’Europa dall’autorità di aviazione russa, si tratta delle compagnie Australian Airlines Air France. Mentre oggi, è stato concesso il volo alla compagnia di Vienna, al contrario di quello Parigi-Mosca di Air France che è stato annullato. Il Cremlino le giustifica come “questioni tecniche”, espressione forse da interpretare bene in quanto osservatori internazionali leggono tale divieto della Russia come una sorta di rivendicazione per difendere l’alleata Bielorussia.

Secondo alcuni, la Russia autorizzerà i voli di tutte le compagnie, anche di quelle che decidono di aggirare la Bielorussia. A testimonianza di ciò vi sono le società polacche Lot e Klm che ieri hanno ricevuto l’autorizzazione di atterraggio a Mosca, nonostante la deviazione. Questo però con una differenza, in quanto la Russian Aviation Authority ha chiarito che “il cambiamento di rotta deciso dalle compagnie europee potrebbe portare a tempi più lunghi“.

Borrell ha sottolineato in merito che “non sappiamo se è una situazione caso per caso, se riguarda casi specifici, o se sia una norma generale delle autorità russe al fine di far sorvolare la Bielorussia agli aerei europei. Dobbiamo aspettare e vedere per prendere delle misure”.

Oggi si è anche tenuto il terzo incontro dall’inizio dell’anno tra il presidente bielorusso Sochi Aleksandr Lukashenko e il presidente russo Vladmir Putin. Sappiamo che la Bielorussia e la Russia sono legate dal Trattato dell’Unione che regola principi di cooperazione e integrazione tra i due Paesi. A tal proposito, molte fonti riferiscono che obiettivo della Russia sarebbe quello di rafforzare il Trattato portando il livello di integrazione ad un punto tale da annettere al territorio russo, quello della Bielorussia. Lukashenko pubblicamente ha respinto tali allusioni ma di fatto molti osservatori notano che l’isolamento della Bielorussia e la dipendenza di Minsk da Mosca, rende più credibile l’ipotesi di una perdita della sovranità bielorussa.

Rispetto all’accennata situazione bielorussa di isolamento e dipendenza, la presidente della Commissione europea, Ursola Von der Leyen ha scritto alla leader dell’opposizione bielorussa, Svetlana Tikhanovskaya esprimendo “rispetto e ammirazione per il coraggio dei bielorussi” ricordando che l’Unione Europea si impegnerà in una transizione politica pacifica con l’aiuto del piano economico elaborato fino a tre miliardi di euro, presentato oggi al Consiglio dalla Commissione.

Ultime notizie