mercoledì, 23 Giugno 2021

Volo Ryanair dirottato, Lukashenko: “Attacchi oltre il limite”

Lukashenko risponde alla pioggia di accuse della comunità europea. "L'aereo è stato fatto atterrare per un allarme bomba".

Da non perdere

Piovono da tutto il mondo le accuse al Presidente bielorusso Alexander Lukashenko sull’incidente diplomatico dell’aereo Ryanair dirottato, ufficialmente, per un allarme bomba. L’ipotesi più accreditata dalla comunità internazionale è che l’aereo sia stato fatto atterrare per arrestare il giornalista Roman Protasevich. Lukashenko si difende: “Gli attacchi alla Bielorussia da parte dei nemici all’esterno e all’interno del Paese hanno oltrepassato la linea rossa, i confini del buonsenso e della moralità umana”.

La risposta dell’opposizione:

Non tarda la risposta della candidata all’opposizione alle elezioni presidenziali in Bielorussia del 2020, Svetlana Tikhanovskaya: “Forzare l’atterraggio a Minsk dell’aereo Ryanair diretto da Atene a Vilnius, per arrestare un giornalista che si trovava a bordo, fa comprendere come il dittatore Lukashenko abbia passato il segno, diventando una minaccia per la pace e la sicurezza internazionale“. “I bielorussi vivono in questa atmosfera da più di nove mesi. Il mancato rispetto delle libertà e dei diritti umani ha trovato forma emblematica in questo dirottamento. Da agosto 2020 il regime oramai è fuori controllo“. E, in audizione alla commissione Affari esteri del Parlamento europeo: “La strategia dell’Ue di aspettare e vedere quello che succede non funziona“.

Dal mondo:

Seguono annunci e ritorsioni più o meno velate. La Lettonia ha già vietato lo spazio aereo bielorusso alle compagnie aeree. La Bielorussia ha annunciato la chiusura dell’ambasciata in Canada dal 1° settembre 2021, come conseguenza alle parole del primo ministro canadese Justin Trudeau: “Il comportamento del regime bielorusso è scandaloso, illegale e del tutto inaccettabile“. Gli Stati Uniti, che hanno già chiesto un’indagine sulla vicenda, “Stanno valutando le sanzioni nei confronti della Bielorussia“, ha dichiarato il presidente Joe Biden.

Lukashenko risponde alle accuse:

Lukashenko nel frattempo ha difeso il suo operato dicendo di aver agito “legalmente” nel dirottamento del volo Ryanair su Misk dopo un allarme bomba, respingendo l’accusa che l’operazione sia stata realizzata per arrestare l’oppositore politico Roman Protasevich. “Ho agito legalmente per proteggere le persone“, ha dichiarato, secondo quanto riportato dall’agenzia di Stato Belta, aggiungendo che l’accusa di aver inviato un aereo militare Mig-29 per forzare il volo civile ad atterrare è una “menzogna“.

Ultime notizie