giovedì, 24 Giugno 2021

Azzolina: “Il vitalizio a Formigoni è come scatarrare sui cittadini onesti”

Indignazione da parte dell'ex Ministra dell'Istruzione, sulla decisione di restituire il vitalizio a Formigoni, condannato per corruzione.

Da non perdere

Fa discutere un tweet dell’ex Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, che questa mattina ha commentato la notizia della restituzione del vitalizio a Formigoni, ex Presidente della Regione Lombardia, condannato per corruzione.

A decidere sulla restituzione, il Consiglio di Sorveglianza del Senato, che in questo modo conferma la sentenza di primo grado e di conseguenza il diritto a percepire la pensione da parte dei senatori con una condanna superiore a due anni.

Tra i votanti favorevoli Luigi Vitali, dell’UDC, Pasquale Sepe della Lega e Ugo Grassi attualmente con la Lega dopo il trasferimento dal M5S. Contrari Alberto Balboni di Fratelli d’Italia e Valeria Valente del PD.

Con questa decisione viene cancellata la delibera con cui Pietro Grasso, nel 2015, aveva sospeso gli assegni previdenziali per i senatori condannati a pene detentive superiori ai due anni di carcere.

Almeno i due mila euro ce li ho… Li posso tenere per sempre” sarebbe stato il commento di Formigoni.

I suoi avvocati, Domenico Menorello e Andrea Scuttari hanno poi aggiunto: “È stato semplicemente applicato un basilare principio di diritto secondo cui il bene della vita al quale è funzionale la pensione non è totalmente comprimibile. La pensione serve a sopravvivere e non può esserci una seconda condanna per stenti a carico di nessuno. Formigoni la sua condanna la sta scontando”. 

Indignazione da parte del popolo del web e dal mondo politico, non per la decisione sul vitalizio ma per il linguaggio utilizzato dall’ex Ministra.

Ultime notizie