mercoledì, 23 Giugno 2021

Letta: “Chiediamo a Israele di fermarsi alla legittima difesa”

Il segretario del PD apre l'intervento della Direzione Nazionale del partito esprimendo solidarietà alle vittime del conflitto in Medio Oriente.

Da non perdere

Si è svolta questa mattina la conferenza della Direzione Nazionale del PD, apertasi con l’intervento di Enrico Letta, il quale ha innanzitutto voluto esprimere la sua preoccupazione per quello che sta succedendo in Medio Oriente:

“L’escalation a cui stiamo assistendo è terribile ed esprimiamo la nostra solidarietà alle vittime. Siamo fermamente convinti che la strada della pace debba riprendere piede, in Medio Oriente, e sulla striscia di Gaza e nella relazione complessa tra parti purtroppo in conflitto da troppo tempo. Come Partito Democratico abbiamo partecipato a momenti di solidarietà importanti espressi sia nei confronti dell’autorità nazionale palestinese che con la comunità ebraica. Le vittime civili del conflitto vanno stigmatizzate e per questo motivo mi sento di dire con grande forza che noi chiediamo a Israele di fermarsi alla legittima difesa”.

L’intervento è proseguito affrontando tutti i temi dei cambiamenti intercorsi nello scenario politico del paese:

Governo Draghi

Giudizio positivo nei confronti del Governo Draghi e nello specifico del Recovery Plan:

“Il piano vuole essere un piano di discontinuità rispetto all’Italia dei decenni scorsi che aveva messo donne e giovani ai margini. Un piano per favorire l’occupazione dei giovani e delle donne con una clausola che trasformerà il mondo del lavoro del nostro paese nei prossimi anni. Questa clausola è la nostra bandiera, il premio per i giovani e le donne dei prossimi decenni. Questa è la nostra battaglia”.

Covid

“In questi giorni stiamo aspettando con grande fiducia il ritorno alla normalità e confidiamo arrivi presto. E’ questione di giorni. La campagna vaccinale sta andando bene. Ma voglio dire una cosa molto chiara e netta: possiamo essere ottimisti e pensare a riaperture nei prossimi giorni perché stiamo stati responsabili e rigorosi nella scorse settimane”.

Scuola

“Con grande spirito di ottimismo guardiamo a quello che sta per accadere: la ripartenza, la nuova vita a cui ci apriamo. Vorrei dare un messaggio di grande incoraggiamento a tutti i ragazzi che stanno chiudendo un anno scolastico duro, durissimo in cui non è stata considerata sufficientemente la fatica che hanno fatto questi ragazzi. Vogliamo incoraggiarli a guardare al futuro con ottimismo”.

DDL Zan

“Io contrasto e contrasterò sempre la logica perversa del ‘sì ma’ c’è altro. Non è così. Noi siamo il partito che deve creare la connessione tra crescita economica e diritti. Ringrazio tutti i senatori e le senatrici intervenute. E’ stato il primo fatto al Senato, non sarà certo l’ultimo. Noi siamo per l’approvazione del DDL Zan, è il miglior punto di avanzamento nelle condizione date”.

Le Alleanze del Partito

“Guardiamo con l’evoluzione dei 5 Stelle con interesse e immaginiamo pezzi di strada insieme nella logica che dicevo prima: noi siamo il Pd e abbiamo l’ambizione di guidare questo Paese e l’ambizione di farlo con una coalizione di centrosinistra”.

Primarie

“Vorrei far notare la contraddizione, l’importanza di questo metodo è proprio quella di capire la realtà della situazione, senza che sia la scelta in una stanza chiusa del segretario o dei dirigenti, e che si scelga insieme”. “Le primarie a Roma, Bologna, Torino saranno una modalità con cui si parlerà delle città e del centrosinistra, rispettandosi tutti. Questo è un segno di centralità positivo, se non parlassero di noi vorrebbe dire che siamo marginali. Se si parla di noi vuol dire che dalle nostre scelte dipende il futuro della politica italiana e dell’Italia, dobbiamo essere coscienti di questo e fare scelte non nel nostro ombelico ma nell’interesse del Paese”.

Giustizia

“La prima riforma da fare è quella della giustizia sulla quale sosteniamo la ministra Cartabia. Ringrazio tutti i gruppi parlamentari, stiamo lavorando molto bene noi, non siamo cose distinte ma una sola voce, siamo i democratici”.

Ultime notizie