mercoledì, 22 Settembre 2021

Pensioni, Cgil: cambiare contratto espansione, rischio flop

"Se non si modificano i criteri di accesso si rischia il flop", nuova proposta per le pensioni per il segretario della Cgil.

Da non perdere

Secondo quanto affermato dal segretario confederale della Cgil, Roberto Ghiselli, il contratto di espansione per l’accesso alla pensione fino a cinque anni in anticipo rispetto all’effettiva data della pensione di vecchiaia “rischia il flop”.

Il segretario, ha spiegato: “Se non si modificano i criteri di accesso si rischia il flop. Per le aziende pagare l’importo della pensione maturata per cinque anni recuperando l’importo della Naspi per due anni è troppo costoso. Ma se l’accordo è solo per due non conviene al lavoratore che preferirà andare in Naspi perché almeno avrà i contributi”.

Il motivo di tale situazione è da rimandare al costo troppo alto per le aziende o, se si anticipa a due anni prima, non è molto conveniente per i lavoratori.

Così, il segretario, Roberto Ghiselli, ha richiesto al Governo risorse aggiuntive e un tavolo di confronto sulla misura in vista dell’abbassamento della soglia a 100 dipendenti per le aziende richiedenti. L’azienda paga i contributi utilizzando questa misura solo nel caso dell’accesso alla pensione anticipata ma non per la pensione di vecchiaia.

Questa richiesta, potrebbe rientrare nel decreto Sostegni-bis in arrivo la prossima settimana in Consiglio dei ministri.

 

Ultime notizie