mercoledì, 22 Settembre 2021

David di Donatello, miglior film “Volevo nascondermi”.

Premiata Sophia Loren come miglior attrice protagonista: "Senza cinema non vivo". Premio inaspettato per la miglior canzone, andato a "Immigrato di Checco Zalone".

Da non perdere

Volevo nascondermi vince come miglior film al David di Donatello 2021. La regia è di Giorgio Diritti, che racconta la vita dell’artista Antonio Ligabue, con Elio Germano. La dedica del regista è stata “a quei film che fanno fatica a uscire e anche agli uomini che fanno fatica a uscire. Ricordiamoci di Ligabue anche quando incontriamo un clochard che disegna una madonnina. Ricordiamoci del valore di ogni uomo e difendiamolo finché possiamo, in ogni modo”.

Come per gli Oscar, la serata si è svolta in contemporanea da due location: gli studi televisivi della Rai e il Teatro dell’Opera di Roma con Carlo Conti conduttore. Una sala senza pubblico né stampa, ma con tutti i candidati presenti, che hanno potuto, quindi, ritirare di persona le statuette.

Laura Pausini ha aperto la cerimonia sulle note di Io si, colonna sonora del film La vita davanti a sé con Sophia Loren, candidata nella categoria miglior canzone originale. Dopo la mancata vittoria alla notte degli Oscar, nemmeno questa volta riesce a portare a casa il premio.

Il David alla miglior canzone, infatti, è andato inaspettatamente a Checco Zalone per la sua canzone Immigrato. C’è stata molta emozione per la standing ovation a Sophia Loren, premiata a 86 anni.

“Madonna mia aiutatemi”, ha detto salendo sul palco la grande attrice, “è incredibile pensare che il primo David l’ho preso più di 60 anni fa ma è come se fosse oggi, l’emozione è la stessa e anche di più. La gioia è la stessa e vi ringrazio per questo applauso. Condivido il premio con un giovane attore, il bimbo Ibrahima che nel film è stato straordinario. Grazie a Edoardo la sua sensibilità hanno dato anima al film e al mio personaggio. Forse sarà il mio ultimo film ma dopo tanti film ho ancora voglia di fare cinema perché senza cinema non posso vivere”.

Altro momento di forte commozione è stato il ricordo di Enrico Brignano per Gigi Proietti a cui è seguito quello per tutti gli artisti scomparsi quest’anno.

Di seguito tutte le premiazioni assegnate:

  • Miglior regia a Giorgio Diritti
  • Premio a Mattia Torre, la figlia: “Bravo papà”
  • Miglior attrice protagonista è Sophia Loren
  • Miglior attrice non protagonista è Matilda De Angelis
  • Miglior attore protagonista è Elio Germano
  • Miglior regista esordiente è Castellitto jr.
  • David speciale a Monica Bellucci: Lo dedico alle mie figlie
  • Migliori scenografie e costumi

Ultime notizie