sabato, 19 Giugno 2021

Israele-Palestina, ultimatum di Hamas: 29 bambini feriti dai razzi lanciati da Gaza

Blocco delle strade adiacenti alla barriera di sicurezza con Gaza e cancellazione di tutti i treni tra Ashkelon e Beer Sheva . I civili dovranno evitare le aree adiacenti alla Striscia.

Da non perdere

Il portavoce dell’ala militare di Hamas Abu Odeiba ha lanciato un’ultimatum ad Israele: “Entro le 18 far uscire i soldati e i suoi coloni dalla Moschea Al Aqsa e dal rione di Sheikh Jarrah e rilasci chi è stato arrestato in questi giorni“.

La Radio Militare riferisce che vi sono lanci di pietre da parte dei manifestanti e granate lanciate da parte della Polizia. Ai fedeli ebrei è stato vietato l’ingresso alla Spianata delle Moschee in occasione del “Jerusalem day”. Secondo i media, nel luogo sono presenti circa 8mila fedeli islamici; i social diffondono immagini che mostrano ammassi di fuochi artificiali, bastoni, pietre e bottiglie Molotov. Secondo la Mezzaluna Rossa i feriti o contusi tra i manifestanti palestinesi sono circa 278; cinque sono in gravi condizioni.

Sami Abu Zuhri, portavoce del sito di Hamas e Hussein al-Sheikh, esponente dell’Anp (Autorità nazionale palestinese), hanno avuto una sorta di confronto via social ed entrambi stanno valutando la possibilità di rispondere agli occupanti e alle aggressioni.

Il segretario generale dell’Onu Antonio Guiterres ha espresso “la sua “profonda preoccupazione per le violenze nella Gerusalemme est occupata” e la volontà comune è quella di evitare che Israele provochi ancora demolizioni. Necessario è cessare il fuoco. Inoltre, Guiterres ha ribadito il suo impegno a sostenere palestinesi e israeliani nella risoluzione del conflitto, tramite il coinvolgimento delle Nazioni Unite.

La battaglia in corso per lo spirito di Gerusalemme è la lotta secolare tra tolleranza e intolleranza, fra violenza selvaggia e mantenimento di ordine e legge“. Queste le parole di Benyamin Netanyahu, premier israeliano.

Infatti, secondo i media, nella notte, almeno 200 manifestanti hanno lanciato sassi contro gli agenti, che per risposta hanno lanciato granate stordenti. Le aree interessate agli incidenti sono state la Porta di Damasco, il quartiere di Sheikh Jarrah e a nord di Israele.

Ieri, due razzi sono stati lanciati da Gaza verso il territorio israeliano. Decine di incendi sono stati segnalati oggi nei campi agricoli israeliani e Israele ha avvertito Hamas di una possibile reazione.

Una decisione da parte dell’esercito israeliano è arrivata poco fa: blocco delle strade adiacenti alla barriera di sicurezza con Gaza e cancellazione di tutti i treni tra Ashkelon e Beer Sheva . I civili dovranno evitare le aree adiacenti alla Striscia.

Anche il monarca di Giordania, Abdallah, ha condannato le violenze e le misure israeliane, ma ciò non basta in quanto negli ultimi due giorni, l’Unicef ha denunciato le violenze nei confronti dei bambini: “29 bambini palestinesi sono stati feriti a Gerusalemme Est, nella Città Vecchia e nel quartiere di Sheikh Jarrah”.

Alcuni bambini sono stati portati in ospedale per le ferite alla testa e alla spina dorsale e otto minorenni palestinesi sono stati arrestati“, aggiunge l’Unicef che inoltre auspica “la protezione di tutti i civili, specialmente i bambini“.

Ultime notizie