sabato, 15 Giugno 2024

Israele, bombe su Rafah e altri morti innocenti: parla l’ONU

L'assemblea delle Nazioni Unite si riunisce per discutere l'attacco di Israele sul campo rifugiati di Rafah

Da non perdere

Dopo l’ultimo raid israeliano di ieri sul campo per rifugiati di Tal al-Sultan, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite terrà oggi, alle 15:30, una riunione di emergenza per discutere quello che Netanyahu ha definito “un tragico incidente”. La richiesta arriva da parte dei diplomatici algerini, e intanto un nuovo attacco dell’IDF a ovest di Rafah avrebbe provocato altri sette morti, riporta Al Jazeera.

Netanyahu: “Una tragedia”

Le vittime causate dall’attacco di ieri sarebbero solo un effetto collaterale di un attacco mirato dell’IDF ai terroristi di Hamas. Così ha commentato il presidente israeliano, secondo cui nonostante gli sforzi per non creare vittime civili, “c’è stato un tragico incidente”. Ai microfoni del Times of Israel Netanyahu ha riferito che “per noi è una tragedia, per Hamas è una strategia”.

Queste parole di Netanyahu sono accompagnate da altre che però hanno un tono tutt’altro che pacifico: “Io continuerò a combattere fino a quando sarà issata la bandiera della vittoria”. La fine della guerra non ci sarà finché “tutti gli obiettivi non saranno stati raggiunti”. Un passo indietro dell’IDF comporterebbe il consegnare “una grande vittoria al terrore, all’Iran”, continua il premier.

Una pace sempre più lontana

Queste parole confermano che la possibilità di una tregua siano sempre più lontane. Dopo che Israele tre settimane fa ha respinto l’ultima bozza della proposta per il cessate il fuoco, Hamas ha riferito ad Al-Sharq che non parteciperà più a nessun negoziato con il governo di Gerusalemme. Tutto questo nonostante le varie richieste per un cessate il fuoco che arrivano da più voci internazionali. “Questo orrore dev’essere fermato”, così tuona il segretario generale dell’ONU António Guterres in un tweet su X. Ai microfoni internazionali, l’Alto Commissario ONU per i diritti umani Volker Türk ha dichiarato che “le immagini dal campo sono orribili e mostrano che i metodi e i mezzi di Israele che hanno già portato a così tante morti civili non sono cambiati”.

Ultime notizie