venerdì, 23 Febbraio 2024

Italia, la nuova proposta di DDl vorrebbe rendere inaccessibile la lista delle banche armate: la risposta è la lettera modello

La nuova proposta è quella di introdurre un Disegno di legge (Ddl 855) che andrebbe a limitare la Legge 185 che, dal 1990, regola l'esportazione, l'importazione e il transito di armi..

Da non perdere

Il governo vuole cancellare la lista delle banche armate che, da sempre, finanziano le esportazioni italiane di armamenti all’estero. La nuova proposta è quella di introdurre un Disegno di Legge (Ddl 855) che andrebbe a limitare la Legge 185 che, dal 1990, regola l’esportazione, l’importazione e il transito di armi.

L’obiettivo è quello di eliminare gli annuali aggiornamenti di import/export di armamenti e sistemi militari, svolti dagli istituti di credito.

Ogni anno, il sito banchearmate.org rende pubblica la lista delle banche coinvolte, degli importi segnalati e degli importi assegnati. Se questo Ddl dovesse realmente diventare legge, l’informazione sarebbe grandemente limitata. E questo sarebbe casuale?
Ecco la lista 2022 delle banche armate: Banca Carige, Banca di Credito Cooperativo di Barlassina, Bnaca Monte dei Paschi di Siena, Banca Nazionale Del Lavoro, Banca Popolare di Sondrio, Banca Popolare Friulandria, Banca Valsabbina, Banca Bilbao Vizcaya Argentaria, Banco Bpm, Banco di Credito P.Azzoaglio, Banca Santander, Barclays Bank Ireland, Blu Banca, Bnp Paribas, Bper Banca, Commerzbank, Crédit Agricole, Credito Lombardo Veneto, Deutsche Bank, Emilia Romagna Factor, Europe Arab Bank, Finecobank, Illimity Bank, Intesa Sanpaolo, Mbfacta, Mcc, Poste Italiane, Smbc Bank Eu Ag Milan Branch, Société Générale, Unicredit, Unione di Banche Italiane, Western Union International, Bankgmbh.

Cosa si può fare a riguardo?
Inviare la mail modello : https://www.banchearmate.org/lettera-modello-da-inviare-alle-banche/ alla propria banca, seguendo le indicazioni.

In che Stato stiamo vivendo? In una vera e propria, neanche più troppo velata, dittatura neofascista che sta mutilando le nostre libertà e che ci vuole mettere a tacere, addirittura eliminando le risorse di informazione necessarie per consolidare un contro-pensiero.
Nulla più ci stupisce: per la legge il sesso senza consenso, non viene nemmeno definito stupro e punito in quanto tale e siamo, inconsciamente o consciamente collaboratori e fautori di un genocidio. E allora che differenza c’è fra il nostro governo e quello del Grande Fratello descritto da Orwell, promotore della lobotomizzazione cerebrale e dell’ignoranza, intenso il volerci rendere ignoti gli avvenimenti e i meccanismi politici, attuandoli alle nostre spalle.

Ultime notizie