lunedì, 20 Maggio 2024

Israele-Gaza, Netanyahu avverte che la guerra continuerà per “molti mesi”

Netanyahu ha ribadito il pieno impegno di Israele nelle operazioni belliche, sottolineando che l'esercito sta intensificando le operazioni nella Striscia di Gaza.

Da non perdere

La situazione tra Israele e Gaza rimane tesa, con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu che avverte che la guerra contro Hamas sarà una “lunga battaglia” e potrebbe continuare per “molti mesi”. Netanyahu ha ribadito il pieno impegno di Israele nelle operazioni belliche, sottolineando che l’esercito sta intensificando le operazioni nella Striscia di Gaza.

Il capo delle forze armate israeliane, il generale Herzi Halevi, ha aggiornato sulla situazione, spiegando che le operazioni si stanno estendendo nel sud e nel centro di Gaza, mentre si avvicina allo smantellamento dei battaglioni di Hamas nella parte settentrionale della Striscia. Tuttavia, il generale Halevi ha avvertito che la guerra continuerà per “molti altri mesi”.

Durante una conferenza stampa nel sud di Israele, il generale Halevi ha dichiarato: “Abbiamo eliminato molti terroristi e comandanti, alcuni di loro si sono arresi alle nostre forze ed abbiamo preso centinaia di prigionieri. Abbiamo distrutto molte infrastrutture sotterranee e armi”. Ha anche evidenziato le sfide di combattere in un’area densamente urbana, dove i terroristi si mimetizzano tra la popolazione civile.

Il ministro della Difesa israeliano, Yoav Gallant, ha aggiunto che Israele sta affrontando una “guerra su vari fronti”, citando sette fronti diversi, tra cui Gaza, Libano, Siria, Cisgiordania, Iraq, Yemen e Iran. Ha avvertito che chiunque agisca contro Israele è un potenziale obiettivo senza immunità.

Queste dichiarazioni seguono la morte di un alto esponente della Guardia Rivoluzionaria iraniana in un presunto raid israeliano a Damasco, con l’Iran che ha promesso vendetta. La complessità della situazione riflette la presenza di numerosi attori e fronti coinvolti nella regione, aumentando le preoccupazioni per la persistenza e l’escalation del conflitto.

Ultime notizie