domenica, 14 Luglio 2024

Giulia e Filippo, i due ragazzi scomparsi a Padova: sono ancora in corso le indagini

Erano compagni di corso all’Università di Padova. Erano stati fidanzati fino ad agosto. Sono stati visti insieme sabato sera a Vigonovo, poi non si sa più nulla di loro.

Da non perdere

Sono stati visti per l’ultima volta sabato poi nessuno non si è avuta più nessuna notizia. Sono Giulia Cecchettin e Filippo Turetta, compagni di corso a Ingegneria biomedica all’Università di Padova. Avevano avuto una relazione per poi lasciarsi ad agosto. Nonostante ciò, i due continuavano a vedersi e sabato sera erano usciti insieme. L’ultima volta sono stati visti al centro commerciale di Marghera. I Carabinieri stanno ricostruendo gli spostamenti dei due ragazzi, attraverso le immagini recuperate dalle videocamere di sorveglianza.

L’ultima volta che sono stati visti, poi le grida di Giulia

Dalla ricostruzione dello zio di Giulia, Filippo sarebbe passato a prenderla sabato intorno alle 18. Era tranquillo, secondo i genitori. Poi i due si erano recati alla Nave de Vero a Mestre. Nello stesso posto avrebbero cenato e poi sono ritornati presso Vigonovo, nel parcheggio dietro casa. Intorno alle 23:15, i due ragazzi avrebbero litigato, cosa testimoniata da un vicino che stava fumando, l’uomo avrebbe sentito distintamente le grida di Giulia, trattenuta nella sua macchina. Successivamente, l’auto si è diretta verso il cimitero lungo la strada che può porta verso Padova ma anche verso il centro di Vigonovo.

Secondo il papà di Giulia, Filippo non aveva mai accettato la fine del rapporto. Si erano lasciati in amicizia, per lo più da parte di Giulia. Voleva concentrarsi negli studi. Dopo la perdita della madre, Giulia voleva realizzare i suoi sogni: si stava per laureare in Ingegneria Medica e poi sarebbe partita per Reggio Emilia per una scuola di disegno. Invece, Filippo era in forte depressione negli ultimi giorni: i suoi genitori lo hanno visto uscire alle 18 sabato scorso e poi il suo ultimo messaggio che diceva che non sarebbe rientrato a casa per cena, poi non hanno saputo più nulla.

Le ricerche per rintracciarli sono state avviate anche grazie all’aiuto dei reparti speciali, dell’unità cinofile e anche dei cani molecolari. Quando i Carabinieri hanno ricevuto la segnalazione sabato notte si sono recati al parcheggio ma la macchina non c’era più. In quel mmomento però l’allarme non era partito, non si sapeva della loro scomparsa. Solo dopo che il padre di Giulia e i genitori di Filippo hanno sporto denuncia la domenica mattina, sono partite le indagini ufficiali.

I carabinieri hanno così ripercorso il tragitto dei due ragazzi. In una zona industriale di Fossò sono state ritrovate delle chiazze di sangue. Ancora non si sa se quel sangue sia collegato ai due ragazzi. Si è in attesa ora degli esami.

Ultime notizie