venerdì, 21 Giugno 2024

Imprenditore e muratore ritrovati cadavere, si pensa al duplice omicidio: investigatori sulle tracce di una terza persona

Dopo l'iniziale pista dell'omicidio-suicidio, gli investigatori stanno valutando la possibilità che a sparare sia stata una terza persona. Attesi i risultati delle due autopsie, gli accertamenti nella villetta lasciano spazio a nuovi scenari.

Da non perdere

Emergono sviluppi per il tragico ritrovamento dei due cadaveri dell’imprenditore 77enne Claudio Belloi e del muratore Francesco Bordone, 48enne, rinvenuti qualche giorno fa a Serramazzoni, nel Modenese. Dalle indagini è sorta un’ulteriore ipotesi: quella del duplice omicidio. Inizialmente, la prima pista seguita dagli inquirenti dopo la scoperta dei due cadaveri era stata quella dell’omicidio-suicidio a colpi di arma da fuoco. Un nuovo accertamento avvenuto ieri, in data 28 dicembre, nell’abitazione avrebbe aperto un’ulteriore ipotesi, quella che coinvolgerebbe una terza persona e dunque aprirebbe a uno scenario di duplice omicidio. Le indagini hanno visti impegnati anche i RIS di Parma. Tracce di sangue sarebbero state rinvenute su scale, muri e stanze dell’abitazione che sarebbe stata trovata completamente a soqquadro. Solo rilievi tecnici irripetibili e l’analisi delle autopsie sui due corpi, che saranno effettuate nella giornata di oggi 29 dicembre, potranno dare risposte ulteriori.

Ultime notizie