giovedì, 8 Dicembre 2022

Coppa Davis: domani al via la fase finale. Canada favorito, Italia outsider

Da domani al via la fase finale di coppa davis a Malaga. I quarti di finale saranno Canada-Germania, Italia-Usa, Spagna-Croazia e Australia-Olanda. Agli azzurri servirà un impresa per avere la meglio degli Usa di Fritz e Tiafoe.

Da non perdere

Prenderà il via nella giornata di domani a Malaga la fase finale della Coppa Davis 2022. Nella giornata di domani si giocheranno i match validi per i quarti di finale che vedrà coinvolte Australia-Olanda e Croazia-Spagna mentre mercoledì scenderanno in campo l’Italia contro gli Stati Uniti e Canada-Germania. Gli azzurri si preparavano alla fase finale di Malaga con importanti ambizioni, poi il forfait di Sinner e quello recente di Berrettini hanno ridimensionato di molto le aspettative della squadra di capitan Filippo Volandri.

Le nazioni di prima fascia sono sicuramente Canada, Usa e forse Croazia seguite poco dietro da Australia, Italia e Spagna. Se vincesse una nazione non citata sarebbe una sorpresa incredibile, dato che l’Italia come detto rinuncia ai suoi migliori giocatori. La Croazia può sicuramente contare su una coppia di doppio pressoché imbattibile rappresentata da Mektic e Pavic, che hanno appena perso la finale delle Atp Finals contro Ram/Salisbury e, con Coric e Cilic sono sicuramente una squadra pericolosa. La Spagna rinuncia ad Alcaraz e per questo non è considerata una delle principale favorite. L’Australia potrà sicuramente giocarsi le sue carte: De Minaur e Kyrgios sono sicuramente da corsa mentre la coppia KK, rappresentata da Kokkinakis e lo stesso Kyrgi, ha appena giocato le Finals. Da pesare sicuramente la condizione di Nick Kyrgios, dato che non gioca da Tokyo. Canada e Usa sembrano essere le 2 squadre favorite, peccato che si affronteranno con ogni probabilità nella giornata di venerdì in semifinale. Le due “coppie” di singolaristi sono le migliori considerando che si gioca su cemento indoor, Auger-Aliassime – Shapovalov e Fritz – Tiafoe rappresentano l’elite del tennis mondiale e difficilmente lasceranno vita facile agli avversari.

Battere gli Usa di Fritz e Tiafoe su una superficie favorevole a loro, rappresenterebbe un’impresa incredibile anche se la formula aiuta senz’altro gli azzurri dato che ci basterebbe un singolare vinto per giocarsi tutto nel doppio decisivo in cui schieriamo Bolelli/Fognini, una coppia di tutto valore. Molto dipenderà da Lorenzo Musetti che, se dovesse superarsi, come detto darebbe la possibilità alla nazionale azzurra di giocarsi un doppio alla pari contro Kraijcek e Sock, una coppia tutt’altro che facile da battere. Vedremo le scelte che farà Filippo Volandri sul secondo singolare, anche se tutto sembra pendere dalla parte di Lorenzo Sonego, subentrato al posto di Jannik Sinner.

Ultime notizie