mercoledì, 7 Dicembre 2022

Il canone Rai resterà in bolletta, il Ministero dell’Economia: “Voci infondate sulla sua esclusione”

I sindacati scrivono al ministro Giorgetti per chiedere un incontro urgente: "La determina del precedente esecutivo, a seguito di una specifica deliberazione del Parlamento, ha indicato la riscossione del canone in bolletta elettrica fra gli oneri impropri la cui permanenza non sarà più consentita a far data dal primo gennaio 2023".

Da non perdere

Il canone Rai non scomparirà dalla bolletta dell’elettricità, lo ha chiarito il Ministero dell’Economia attraverso un comunicato: “Le voci di un’esclusione del canone Rai dalla bolletta elettrica non risultano fondate” è ciò che scrive il Tesoro. Il pagamento del canone era stato inserito in bolletta mediante la legge di stabilità del 2016 sotto il Governo Renzi. L’Europa aveva già in precedenza chiesto di muoversi attraverso un sistema di riscossione alternativo a partire dal 2023. Sollecitano inoltre un intervento a riguardo anche i sindacati Rai; è stata spedita al ministro Giancarlo Giorgetti una lettera in proposito.

I sindacati a Giorgetti: “Chiediamo un incontro urgente”

La lettera indirizzata al ministro è stata firmata dai sindacati Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Ugl Fnc, Snater, Libersind Confsal, Adrai e Usigrai. “La determina del precedente esecutivo, a seguito di una specifica deliberazione del Parlamento, ha indicato la riscossione del canone in bolletta elettrica fra gli oneri impropri la cui permanenza non sarà più consentita a far data dal primo gennaio 2023” è ciò che sottolineano i sindacati, i quali richiedono un incontro urgente con il ministro Giorgetti per discutere della questione e delle ricadute che si potrebbero avere sulla grande Azienda culturale del Paese.

Ultime notizie