martedì, 16 Agosto 2022

Bimbo morto a Sharm, i genitori arrivano a Palermo con un volo medico: ricoverati al Policlinico

I genitori del bimbo morto a Sharm El Sheik sono arrivati a Palermo: il padre è stato ricoverato al Policlinico nel reparto Medicina, ancora in gravi condizioni, e la madre in Ginecologia. L'avvocato della famiglia: "Le cause del decesso non sono note, attendiamo che sia la Magistratura a fare luce sulla vicenda".

Da non perdere

I genitori del piccolo Andrea Mirabile, morto sabato scorso in un lussuoso resort di Sharm El Sheik dopo 36 ore di agonia per “un’intossicazione alimentare”, sono arrivati a Palermo. Il padre, Antonio Mirabile, è ricoverato nel reparto di Medicina del Policlinico, e la madre, Rosalia Manosperti, in Ginecologia, in quanto al quarto mese di gravidanza. La coppia è atterrata alle 13:30 all’aeroporto Falcone e Borsellino con un volo medico, in pista c’era già un’ambulanza che ha trasportato i coniugi nell’ospedale universitario. Le condizioni della madre sono migliorate, ma quelle del padre restano gravi. Tuttavia i medici hanno spiegato che “sono in corso tutti gli esami per accertare le condizioni di marito e moglie, al momento non è possibile fare alcuna dichiarazione sulle condizioni dei due pazienti”. Per domani è inoltre atteso l’arrivo della salma del bambino a Palermo.

Le parole dell’avvocato della famiglia

“La famiglia desidera precisare che la notizia diffusa sulla possibile causa della morte del minore per dissenteria non è stata ancora accertata, poiché le cause del decesso non sono ancora note; anche per tale ragione, si ritiene necessario l’intervento della Magistratura italiana”. Così si è espresso l’avvocato della famiglia palermitana colpita da questa immane tragedia. “Una volta depositato l’esposto presso la Procura, attendiamo che sia la Magistratura a fare luce sulla vicenda, affinché venga fatta giustizia”, spiega il legale. “Attendiamo pertanto ulteriori sviluppi da parte degli Organi inquirenti anche in ordine alle eventuali disposizioni urgenti che la stessa vorrà adottare, al fine far luce sulla triste vicenda. La famiglia ringrazia tutte le Autorità pubbliche intervenute, tra cui il Sindaco di Palermo Lagalla e tutte le Autorità Consolari”.

Ultime notizie