martedì, 16 Agosto 2022

Fatture false e detrazioni fiscali, scatta la perquisizione: nella cassaforte dietro l’armadio 126mila euro in contanti – VIDEO

Dall'ipotesi di reato di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti è scattata la perquisizione, i Finanzieri hanno trovato e sequestrare denaro contante per oltre 126mila euro.

Da non perdere

Le Fiamme Gialle di Vicenza, a seguito di un’attività di Polizia economico-finanziaria a
contrasto delle frodi IVA e, successivamente, proseguite su delega della Procura della Repubblica di Vicenza, hanno eseguito delle operazioni di perquisizione domiciliare, al fine di ricercare elementi di prova a supporto delle ipotesi di reato di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, le quali hanno consentito, tra l’altro, di sequestrare denaro contante per un importo di oltre 126mila euro.

Le indagini

In particolare, i Finanzieri del Gruppo di Bassano del Grappa hanno scoperto nel sottoscala di un’abitazione sita a Romano d’Ezzelino (VI) e di proprietà dei rappresentanti legali pro tempore di una società operante nel settore dell’abbigliamento, una cassaforte fissa al muro e occultata dietro un armadio e, all’atto dell’apertura della stessa, sono stati rinvenuti 21 pacchi di banconote, principalmente del taglio da 20 e da 50 euro, in relazione alle quali i coniugi non hanno saputo adeguatamente giustificare il possesso, anche alla luce dell’evidente sproporzione rispetto ai redditi annualmente dichiarati dagli stessi.

Le investigazioni, avviate a seguito di una verifica fiscale eseguita nei confronti di una ditta individuale gestita da un cittadino di nazionalità cinese, espletate anche attraverso mirate indagini finanziarie, hanno consentito di riscontrare che, a fronte di entrate sul conto corrente della citata ditta individuale, derivanti dai pagamenti effettuati dalla società italiana oggetto del provvedimento di perquisizione emesso dall’Autorità Giudiziaria e già
rappresentata legalmente dai due coniugi, nei giorni immediatamente successivi, il titolare della ditta individuale ha provveduto sistematicamente a prelevare ingenti somme di contante.

Con tale modus operandi è avvenuta, secondo accordi tra le parti, la retrocessione del denaro prelevato, pari all’IVA esposta dall’emittente nelle fatture false, all’utilizzatore delle stesse, consentendo inoltre di beneficiare della detrazione ai fini dell’IVA e delle Imposte Dirette all’atto della presentazione delle dichiarazioni fiscali, ingenerando un danno al fisco. In definitiva, sulla base delle risultanze acquisite agli atti delle indagini, le Fiamme Gialle bassanesi hanno sottoposto a sequestro preventivo d’iniziativa d’urgenza la somma di denaro rinvenuta, pari a oltre 126mila euro, poiché costituente il provento del reato di utilizzo nelle dichiarazione fiscali, da parte dell’impresa gestita dai citati coniugi, di fatture per operazioni inesistenti emesse dalla ditta individuale gestita da un cittadino di nazionalità cinese, quest’ultimo denunciato per emissione di fatture per operazioni inesistenti.

Ultime notizie