lunedì, 23 Maggio 2022

Parità di diritti, ai figli il cognome di entrambi i genitori: svolta della Corte Costituzionale

Da oggi, 27 aprile 2022, il cognome del padre ai figli in automatico va contro la Costituzione. Secondo la Corte, l'attribuzione del solo cognome paterno è retaggio di una concezione patriarcale della famiglia.

Da non perdere

Un altro passo sui sentieri dell’uguaglianza. Il 27 aprile 2022, porta con sé una data che è già storia. Oggi, le donne italiane hanno conquistato un altro diritto storico, dopo aver atteso per decenni. Secondo la Corte Costituzionale, tutte le norme che impongono l’attribuzione automatica del cognome del padre ai figli o alle figlie sono illegittime.

La decisione della Corte Costituzionale

Una decisione che va ad invalidare l’articolo 262 del codice civile, secondo il quale una figlia o un figlio riconosciuto da entrambi i genitori deve assumere il cognome paterno. La Corte, presieduta da Giuliano Amato, ha definito come “discriminatoria e lesiva dell’identità del figlio la regola che attribuisce automaticamente il cognome del padre”. Precisa anche che “nel solco del principio di eguaglianza e nell’interesse del figlio, entrambi i genitori devono poter condividere la scelta sul suo cognome, che costituisce elemento fondamentale dell’identità personale“.

Un lungo iter

La decisione della Corte Costituzionale chiude un percorso rimasto inascoltato dai vari governi che si sono succeduti dal 2006 ad oggi. In quell’anno, la consulta dichiarò il solo cognome paterno come retaggio di una concezione patriarcale della famiglia e di una tramontata potestà maritale, non più coerente con il valore costituzionale dell’uguaglianza uomo donna”. Dopo 10 anni è arrivata poi la sentenza che, nel 2016, ha stabilito la possibilità per un figlio o una figlia di ottenere il doppio cognome. Una decisione presa dopo aver ricevuto una condanna da parte della Corte dei diritti umani nel 2014 proprio su questo tema. In data odierna, finalmente, è arrivata la sentenza che riconosce finalmente la parità dei diritti genitoriali tra uomo e donna.

Ultime notizie