lunedì, 25 Ottobre 2021

Washington, la Camera approva legge: via tutte le statue dei leader sudisti

L’obiettivo, è anche quello di eliminare il busto del capo della corte suprema, Roger Brooke Taney, artefice della sentenza del 1857: i discendenti degli africani non potevano, in alcun modo, essere cittadini USA.

Da non perdere

La Camera USA approva la legge per la rimozione delle statue dei leader sudisti dal Campidoglio, dando un calcio ad un passato di schiavi e schiavisti.

L’obiettivo, è anche quello di eliminare il busto del capo della Corte Suprema, Roger Brooke Taney, o statunitense artefice della sentenza del 1857, nella quale si affermava che i discendenti degli africani non potevano, in alcun modo, essere cittadini USA.

Solo 120 i deputati che hanno votato contro la misura, passata grazie ai voti favorevoli di ben 285 rappresentanti della Camera: 67 sono repubblicani, uniti ai democratici.

Lo scorso anno, un’altra legge affine era passata in Camera con 395 voti a favore e 113 voti a sfavore. Sfortunatamente, tale legge rimase bloccata in Senato, controllato dal “Grand Old Party”.

Ultime notizie