giovedì, 24 Giugno 2021

Torino, morto il migrante pestato in pieno centro a Ventimiglia: si è impiccato

Era stato aggredito in Liguria da tre italiani per aver tentato di rubare un cellulare. Si attendeva il provvedimento di espulsione

Da non perdere

Era in isolamento nel Centro di permanenza per il rimpatrio di Torino il 23enne guineano, Mosua Balde, che il 9 maggio era stato aggredito a Ventimiglia. Dopo il ricovero presso l’ospedale di Bordighera, si sarebbe dovuto procedere ad un nuovo provvedimento di espulsione, ma il giovane, nella notte fra il 22 e il 23 maggio, si è suicidato nella sua stanza.

Il ragazzo era stato picchiato e bastonato nel pieno centro di Ventimiglia, in via Ruffini, non lontano dal municipio e dalla caserma della Polizia di Frontiera. I suoi aggressori, tre italiani (due agrigentini, di 28 e 39 anni, e un 44enne di Palmi), erano stati identificati meno di 24 ore dopo l’accaduto dalla polizia di Imperia. Il giovane, irregolare sul territorio nazionale e già espulso, avrebbe tentato di rubare il cellulare ad uno degli uomini all’interno di un supermercato della zona. Dopo essere stato sorpreso ed insultato, era stato seguito e picchiato. Nonostante le urla dei residenti, i malviventi avevano continuato indisturbati ad inveire contro il 23enne inerme, successivamente soccorso e portato in ospedale a Bordighera dove era stato dimesso con prognosi di 10 giorni per lesioni e trauma facciale.

Trasferito a Torino, per il guineano era stato disposto l’isolamento nel Cpr di corso Brunelleschi per motivi sanitari a tutela della salute degli ospiti. Disperato, il ragazzo si è impiccato usando le lenzuola della sua camera.

 

 

Ultime notizie