mercoledì, 12 Giugno 2024

Sanità, malattie sessualmente trasmissibili “altamente contagiose” in aumento: un primo caso di tigna negli USA

Il primo caso di tigna trasmessa sessualmente in America: gli esperti avvertono che è altamente contagiosa. Il ceppo del fungo rilevato in un uomo sulla trentina

Da non perdere

Segnalato negli Stati Uniti il primo caso di una rara forma di tigna trasmessa sessualmente e gli esperti avvertono che è altamente contagiosa. Un nuovo ceppo di un fungo a trasmissione sessuale, chiamato Trichophyton mentagrophytes tipo VII, è stato rilevato in un uomo sulla trentina.

I dettagli delle malattie sessualmente trasmissibili fungine sono stati appena pubblicati su JAMA Dermatology dai medici della NYU Langone Health di New York City  e arrivano mentre i medici di tutto il mondo segnalano sempre più problemi nel trattamento delle infezioni fungine.

Il dottor Caplan: «Ultima di un gruppo di gravi infezioni cutanee»

«Gli operatori sanitari dovrebbero essere consapevoli che Trichophyton mentagrophytes type VII (TMVII) è l’ultima di un gruppo di gravi infezioni cutanee che hanno raggiunto gli Stati Uniti», ha affermato il dottor Avrom S. Caplan, assistente professore alla Grossman School of Medicine della New York University, reparto di dermatologia.

Il dottor Caplan è coautore del caso di studio pubblicato mercoledì su un newyorkese non identificato che è stato infettato dal TMVII. Si era presentato con un’eruzione cutanea sul pene, sui glutei e sugli arti dopo aver visitato l’Inghilterra, la Grecia e la California. Ha riferito di aver fatto sesso con diversi uomini durante i suoi viaggi, nessuno dei quali ha rivelato problemi di pelle simili, riferisce la NBC.

I casi di TMVII sono in aumento in Europa, soprattutto negli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini. Anche in Italia, il numero dei casi accertati non è ancora stato ufficialmente quantificato, ma la malattia potrebbe aver colpito più soggetti. Poiché i pazienti sono spesso riluttanti a parlare di problemi genitali, secondo Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, i medici devono chiedere direttamente informazioni sulle eruzioni cutanee intorno all’inguine e sui glutei, soprattutto per coloro che sono sessualmente attivi e che hanno recentemente viaggiato all’estero.

Ultime notizie