lunedì, 20 Maggio 2024

Israele, stallo nei negoziati tra Israele e Hamas a Gaza

Le speranze di un accordo tra Israele e Hamas sui negoziati a Cairo sembrano svanire, nonostante i segnali di progresso provenienti dall'Egitto.

Da non perdere

Le speranze di un accordo tra Israele e Hamas sui negoziati a Cairo sembrano svanire, nonostante i segnali di progresso provenienti dall’Egitto. Secondo fonti egiziane citate dalla televisione al Qahera, i negoziati sembravano vicini a un accordo su tutti i principali punti dell’intesa, incluso un cessate il fuoco e il rilascio degli ostaggi. Tuttavia, sia Tel Aviv che le fonti palestinesi hanno ridimensionato le aspettative.

Una fonte israeliana ha dichiarato a Ynet che non sono stati raggiunti accordi significativi e che le differenze tra le parti rimangono sostanziali. Le fonti palestinesi, riferendosi alla televisione libanese al Mayadeen, hanno lamentato l'”ostinazione” di Israele e segnalato una mancanza di progressi nei colloqui.

Intanto, i negoziatori di Hamas hanno lasciato Il Cairo per consultarsi con i leader del gruppo. Hamas sta chiedendo un cessate il fuoco permanente a Gaza, il ritorno dei palestinesi nelle loro case nel nord dell’enclave e il ritiro completo delle forze israeliane, oltre a uno scambio di detenuti e ostaggi e alla distribuzione di cibo per la popolazione.

Israele ha ritirato le sue truppe dal sud di Gaza, ma l’operazione militare non è terminata e l’attacco a Rafah resta nei piani dell’IDF, con il generale Herzi Halevi che sottolinea che “la guerra a Gaza continua”.

Il ministro per la Sicurezza nazionale di Israele ha avvertito che il primo ministro Netanyahu potrebbe perdere il suo incarico se non proseguisse con un attacco esteso a Rafah per sconfiggere Hamas. Nel frattempo, il numero di vittime e feriti palestinesi continua a salire, con il ministero della Sanità di Hamas che riporta cifre tragiche dallo scorso ottobre.

Ultime notizie