martedì, 16 Aprile 2024

Israele, negoziazioni in corso per la liberazione degli ostaggi: Netanyahu approva l’invio di delegazioni a Il Cairo e Doha

Le forze di difesa israeliane si stanno preparando a entrare a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, dove oltre un milione di sfollati si sono rifugiati. Alcuni comandanti di Hamas sono stati uccisi durante gli scontri, e le operazioni militari in corso hanno portato all'arresto di centinaia di sospetti terroristi.

Da non perdere

Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha dato il via libera all’invio di due delegazioni israeliane verso Il Cairo e Doha per partecipare a negoziati volti a garantire la liberazione degli ostaggi detenuti nella Striscia di Gaza. Secondo quanto riportato dal Times of Israel, Netanyahu ha assicurato al capo del Mossad, David Barnea, e al capo dello Shin Bet, Ron Bar, che avranno la libertà di agire durante i colloqui nelle due capitali arabe.

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha anche espresso il suo parere sull’attuale situazione nella regione, dichiarando che la rabbia di Israele è comprensibile, ma ha anche sottolineato il numero eccessivo di vittime innocenti, sia israeliane che palestinesi. Biden ha insistito sull’importanza di fornire assistenza umanitaria ai palestinesi e ha ribadito l’impegno per una soluzione pacifica che preservi l’esistenza stessa di Israele e promuova un progresso verso una soluzione a due Stati.

Nel frattempo, Netanyahu ha promesso ai familiari degli ostaggi rimasti nelle mani di Hamas dal 7 ottobre scorso che nessuno di loro sarà lasciato nella Striscia di Gaza. Ha espresso solidarietà nei confronti dei familiari, definendo gli ostaggi “i nostri eroi”, e ha affermato che solo la pressione militare su Hamas potrà portare alla loro liberazione.

Le forze di difesa israeliane si stanno preparando a entrare a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, dove oltre un milione di sfollati si sono rifugiati. Alcuni comandanti di Hamas sono stati uccisi durante gli scontri, e le operazioni militari in corso hanno portato all’arresto di centinaia di sospetti terroristi.

Intanto, l’Osservatorio siriano per i diritti umani ha riportato che almeno 36 soldati siriani sono stati uccisi e decine sono rimasti feriti in un presunto attacco dell’esercito israeliano vicino ad Aleppo. Questi eventi indicano una continua escalation di tensione nella regione, con l’Arabia Saudita e altri Paesi arabi che sembrano essere disposti a riconoscere pienamente Israele, come dichiarato da Biden durante un evento di raccolta fondi.

La comunità internazionale rimane in allerta mentre la situazione in Medio Oriente continua a evolversi. Le prossime mosse diplomatiche e militari avranno un impatto significativo sulle prospettive di pace e stabilità nella regione.

Ultime notizie