domenica, 14 Aprile 2024

Gerusalemme, le forze di Israele uccidono bambino di 12 anni

Un tragico incidente è avvenuto nel campo profughi di Shuafat a Gerusalemme est, dove un bambino di 12 anni, Rami Hamdan al-Khalhouli, è stato ucciso durante degli scontri con le forze di sicurezza israeliane.

Da non perdere

Un tragico incidente è avvenuto nel campo profughi di Shuafat a Gerusalemme est, dove un bambino di 12 anni, Rami Hamdan al-Khalhouli, è stato ucciso durante degli scontri con le forze di sicurezza israeliane. Il bambino è stato dichiarato morto al suo arrivo al Centro medico Hadassah sul Monte Scopus a Gerusalemme.

Secondo quanto riferito, la sezione investigativa della polizia israeliana ha avviato un’indagine sulle circostanze dell’uccisione. Secondo l’IDF (Forze di Difesa Israeliane), il dodicenne avrebbe messo in pericolo le forze armate aprendo il fuoco con dei fuochi d’artificio prima di essere colpito da un proiettile sparato dai militari.

I media israeliani hanno confermato la morte del ragazzino a causa delle ferite riportate. Il ministro della Sicurezza Nazionale, Itamar Ben-Gvir, ha espresso il suo sostegno ai soldati che hanno aperto il fuoco, affermando che hanno agito contro un “terrorista” che aveva messo in pericolo le loro vite. Ha poi aggiunto che chiunque cerchi di danneggiare le forze di sicurezza gioca con il fuoco.

Questa tragica perdita ha scosso profondamente la comunità locale e ha sollevato nuove preoccupazioni riguardo alla situazione sempre tesa a Gerusalemme est. Resta da attendere l’esito delle indagini per comprendere appieno le circostanze di questo evento drammatico.

Ultime notizie