lunedì, 15 Aprile 2024

Ucraina, raid russi su diverse città ucraine: missile diretto verso la Polonia

Nelle prime ore di questa mattina, la Russia ha lanciato un massiccio attacco contro diverse città dell'Ucraina, scatenando una serie di violenti bombardamenti che hanno colpito gli oblast di Kiev, Leopoli, Mykolaiv e Kharkiv.

Da non perdere

Nelle prime ore di questa mattina, la Russia ha lanciato un massiccio attacco contro diverse città dell’Ucraina, scatenando una serie di violenti bombardamenti che hanno colpito gli oblast di Kiev, Leopoli, Mykolaiv e Kharkiv. L’Ucraina ha prontamente risposto, impegnando le sue difese aeree che sono riuscite ad abbattere un considerevole numero di missili e droni lanciati da Mosca.

Secondo le autorità ucraine, l’aeronautica militare di Kiev è riuscita ad intercettare e abbattere ben 29 missili e 15 droni russi, sventando così parte dell’attacco pianificato dalla Russia. Tuttavia, nonostante gli sforzi delle difese ucraine, gli attacchi hanno causato la morte di almeno una persona e il ferimento di altre 13, oltre a danni materiali significativi.

L’attacco russo è stato condotto attraverso una serie di missili da crociera, inclusi Kh-101/555/55, lanciati da aerei bombardieri Tu-95MS, e missili balistici Iskander-M, oltre a diversi droni Shahed lanciati dalla Crimea occupata. L’obiettivo dell’attacco sembra essere stato colpire le infrastrutture chiave e causare il massimo danno possibile.

Le esplosioni hanno scosso la città di Kiev, provocando incendi e danneggiando edifici e linee elettriche. Il sindaco Vitaliy Klitschko ha confermato che i servizi di emergenza sono intervenuti prontamente per spegnere gli incendi e fornire assistenza alle persone ferite. Tuttavia, i danni alle infrastrutture sono stati significativi, con interruzioni di corrente e danni alle linee elettriche segnalati in diverse aree della città.

In risposta all’attacco, la Polonia ha attivato il suo protocollo di difesa aerea e schierato l’aviazione per garantire la sicurezza del proprio spazio aereo, dopo che un missile russo è stato rilevato a soli venti chilometri dal confine polacco. Le autorità polacche hanno avvertito i cittadini di possibili attività aeree nella regione sud-orientale del paese e assicurato di monitorare costantemente la situazione.

Nel frattempo, il bilancio delle vittime continua ad aumentare, con le autorità ucraine che segnalano oltre 890 vittime delle forze russe solo nell’ultimo giorno. Le perdite umane e i danni materiali causati dall’attacco evidenziano la gravità della situazione e l’urgente necessità di una risoluzione pacifica del conflitto.

Ultime notizie