domenica, 14 Aprile 2024

Israele, nuovo raid su Gaza: 25 vittime a Rafah, Khan Younis e Bureij

In un'escalation di violenza, almeno 25 persone hanno perso la vita in seguito a nuovi raid israeliani nella Striscia di Gaza.

Da non perdere

In un’escalation di violenza, almeno 25 persone hanno perso la vita in seguito a nuovi raid israeliani nella Striscia di Gaza. Fonti sanitarie riferiscono che undici delle vittime appartenevano a due famiglie colpite in un quartiere settentrionale di Rafah. Nell’attacco al quartier generale della Difesa Civile a Khan Younis, nel sud della Striscia, altre 8 persone hanno perso la vita, mentre quattro sono morte durante un bombardamento nel campo profughi di Bureij, nella parte centrale di Gaza. Due vittime sono state segnalate negli attacchi a Gaza City.

Dal 7 ottobre, il bilancio delle vittime palestinesi a causa delle operazioni militari israeliane ha raggiunto quota 24.285, con 158 nuove vittime solo nelle ultime 24 ore, secondo il ministero della Salute della Striscia di Gaza. I feriti sono 61.154, con 320 nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore. Le autorità riferiscono di molte vittime ancora intrappolate sotto le macerie e nelle strade, con ambulanze e personale della difesa civile che faticano ad accedere a tali zone.

L’escalation della violenza ha visto anche oltre 50 razzi lanciati dalla Striscia di Gaza verso Netivot e le zone circostanti nel sud di Israele, nell’attacco con razzi più massiccio da diverse settimane.

Nel contempo, le Forze di Difesa Israeliane (IDF) hanno annunciato di aver scoperto cento lanciarazzi e di aver ucciso decine di militanti di Hamas in un’operazione nei pressi della città di Beit Lahia, nel nord della Striscia. Le truppe hanno individuato installazioni per i razzi e 60 razzi pronti all’uso, causando la morte di numerosi terroristi nell’ambito dell’operazione.

Ultime notizie