lunedì, 20 Maggio 2024

Israele-Hamas, operazioni militari in corso a Gaza: Israele combatte contro l’ultimo battaglione di Hamas nel nord

I combattimenti sono ancora in corso nei quartieri di Daraj e Tuffah, dove i soldati israeliani ritengono si trovi l'ultimo battaglione di Hamas nella parte settentrionale della Striscia di Gaza.

Da non perdere

Le Forze di Difesa Israeliane (IDF) hanno intensificato le operazioni militari nella Striscia di Gaza, mirando alle ultime infrastrutture di Hamas nella città di Gaza. La mossa è stata una risposta ai continui attacchi con razzi lanciati da militanti di Hamas contro veicoli militari israeliani. Secondo quanto riportato dalle IDF, i miliziani stavano anche preparando un attacco missilistico contro i carri armati israeliani.

L’azione delle forze israeliane ha portato alla distruzione di due importanti punti strategici di Hamas. I combattimenti sono ancora in corso nei quartieri di Daraj e Tuffah, dove i soldati israeliani ritengono si trovi l’ultimo battaglione di Hamas nella parte settentrionale della Striscia di Gaza.

La tensione è salita ulteriormente con un attacco con drone che ha colpito il sud delle Alture del Golan durante la notte. Anche se non ci sono state vittime umane, un edificio è stato danneggiato. Le milizie filo-iraniane in Iraq hanno rivendicato la responsabilità di questo attacco, dichiarando di agire “in sostegno di Gaza”. È la prima volta che le Alture del Golan sono prese di mira da inizio alla guerra lo scorso 7 ottobre.

Nel frattempo, un tragico bilancio umano si sta accumulando a causa degli scontri. L’ultimo report del ministero della Sanità dell’enclave palestinese indica che quasi 200 palestinesi sono stati uccisi e oltre 300 feriti nei recenti raid israeliani nelle ultime 24 ore. La Mezzaluna Rossa palestinese ha reso noto che almeno dieci persone sono state uccise e altre 12 sono rimaste ferite in un attacco vicino all’ospedale di al-Amal vicino a Khan Younis.

La situazione ha attirato l’attenzione internazionale, con il Segretario di Stato americano Antony Blinken che è atteso nella prossima settimana in Medio Oriente per discutere dei prossimi passi nella guerra contro Hamas.

Nonostante i recenti sforzi del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per facilitare l’aumento degli aiuti umanitari nella Striscia di Gaza, il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha sottolineato che la risoluzione deve ancora tradursi in un impatto concreto sul terreno.

La situazione umanitaria continua a peggiorare, con decine di migliaia di persone in fuga dai bombardamenti nelle zone di Khan Yunis e nel centro della Striscia, cercando rifugio a piedi, con gli asini o in auto. La necessità di pause nelle ostilità e corridoi umanitari diventa sempre più urgente per evitare ulteriori sofferenze tra la popolazione civile.

Ultime notizie