venerdì, 23 Febbraio 2024

Tregua a Gaza, Israele estende il cessate il fuoco: si attende il rilascio di nuovi ostaggi

Israele condiziona la durata della tregua a Gaza al rilascio di ostaggi da parte di Hamas

Da non perdere

Il settimo giorno di tregua a Gaza è stato esteso di un ulteriore giorno, secondo quanto riportato dai media israeliani. L’accordo per la proroga è stato raggiunto tra Israele e Hamas, con la condizione chiave del rilascio di otto ostaggi, tra cui due minori. L’ufficio del primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha confermato che i parenti degli ostaggi sono stati informati del loro imminente rilascio.

In particolare, due donne russo-israeliane, Elena Trofanov ed Irena Tatti, sono state liberate la scorsa notte da Hamas in segno di riconoscimento nei confronti del presidente Vladimir Putin. L’atmosfera di tregua è stata mantenuta, ma le negoziazioni sono ancora in corso per definire il rilascio di tre salme, secondo alcune fonti.

Mark Regev, consigliere del primo ministro israeliano, ha chiarito la posizione di Israele in un’intervista alla Cnn, descrivendo la richiesta di estendere la tregua come “cristallina”. Israele ha accettato di prolungare la tregua di un giorno per ogni 10 ostaggi rilasciati da Hamas “in vita”. Regev ha dichiarato: “Ogni giorno, abbiamo concordato una proroga (della tregua, ndr) in cambio del rilascio di 10 ostaggi, 10 ostaggi vivi. Se Hamas continua a rilasciare ostaggi, 10 al giorno, estenderemo la tregua.”

Tuttavia, Regev ha sottolineato che se Hamas non rispetta queste condizioni, i combattimenti potrebbero riprendere. L’atteggiamento di fermezza da parte di Israele riflette la volontà di garantire il rispetto degli accordi e la sicurezza dei cittadini, mantenendo al contempo una finestra aperta per il dialogo e il progresso verso una soluzione pacifica.

Ultime notizie