domenica, 23 Giugno 2024

Bolsonaro torna in patria, acclamato dalla destra brasiliana

Jair Bolsonaro, ex-presidente brasiliano e leader del Partito Liberale, dopo il suo auto-esilio negli Stati Uniti, torna in patria, pronto ad entrare nuovamente nel panorama politico.

Da non perdere

L’ex presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, torna nella sua nazione. Dopo qualche mese passato in Florida, è tornato in Brasile ed è pronto a costruire l’opposizione alla sinistra di Luiz Inácio Lula da Silva (Partito dei Lavoratori). In seguito alla perdita delle ultime elezioni, aveva dichiarato alla stampa: “Il movimento di destra non è morto e continuerà a vivere”, aggiungendo che, al suo ritorno in patria, avrebbe potuto correre il rischio di essere incarcerato perchè considerato iniziatore e responsabile delle rivolte al verdetto delle elezioni.

Alle quattro di mattina del 30 marzo, atterra all’aeroporto di Brasilia. Lo attendono centinaia di sostenitori politici, ma, Bolsonaro, scortato dalla Polizia Federale, passa dal retro. Delusi, due militanti, dichiarano: “Siamo arrivati qui alle 4:00 del mattino. Perché non ha voluto parlare con la gente? Eravamo sicuri che lo avrebbe fatto, e invece no”.

Adesso, quello che c’è da domandarsi è: cosa pensa di fare, una volta tornato?

Le promesse di Bolsonaro, per il suo ritorno a marzo, erano promesse di politiche antiabortiste, a favore del il controllo delle armi e per incentivare le imprese, politiche favorevoli alla difesa dei valori della famiglia tradizionale. Il poltico dichiara che prenderà ispirazione dagli Stati Uniti, portati ad esempio come la società ideale: “assomiglia allo Stato dei miei sogni. Là c’è già tutto quello che vogliamo realizzare anche qui: libertà di espressione, proprietà privata, l’atteggiamento nei confronti della criminalità, il legittimo diritto alla difesa”.

Ultime notizie