mercoledì, 19 Giugno 2024

Afghanistan, arrestato Matiullah Wesa: il promotore dell’istruzione femminile

Un'attivista di spicco per l'educazione delle ragazze è stato arrestata in Afghanistan, segno che le intransigenti autorità talebane sono determinate a reprimere ogni opposizione al loro divieto a ragazze e donne di frequentare la scuola o l'università.

Da non perdere

Un’attivista di spicco per l’educazione delle ragazze è stato arrestata in Afghanistan, segno che le intransigenti autorità talebane sono determinate a reprimere ogni opposizione al loro divieto a ragazze e donne di frequentare la scuola o l’università.

Matiullah Wesa, fondatore e leader dell’ente di beneficenza Pen Path, si batteva per l’istruzione dei bambini afgani che non andavano a scuola – sia maschi che femmine – da più di un decennio, con particolare attenzione alle aree rurali dell’Afghanistan meridionale.

Alti diplomatici e gruppi per i diritti umani, tra cui un alto inviato delle Nazioni Unite e Amnesty International, hanno chiesto il suo rilascio immediato.

Dichiarazioni di Samira Hamidi e Attaullah Wesa

“Avrebbe potuto lasciare l’Afghanistan, ma è rimasto nonostante i rischi per lavorare per la sua gente, sostenendo il diritto all’istruzione delle ragazze”, ha detto Samira Hamidi, attivista di Amnesty International per l’Asia meridionale.

Wesa è stato arrestato dopo aver partecipato alle preghiere nella sua moschea locale. Il fratello, Attaullah Wesa, ha detto che Matiullah era alla moschea di Kabul, offrendo le sue preghiere. Dopo essere uscito, alcuni uomini armati sono corsi verso di lui per arrestarlo.

Talebani in Afghanistan

Dopo che i talebani hanno preso il controllo dell’Afghanistan e hanno escluso le studentesse dalla scuola superiore, e poi dalla scuola elementare e dall’università, ha condotto appelli di alto profilo per la ripresa delle lezioni, condividendo foto e video di proteste – di solito in edifici privati, dopo dure repressioni contro manifestazioni pubbliche.

Il suo messaggio si è concentrato sulla domanda pubblica di scuole femminili e sul loro diritto all’istruzione secondo la legge islamica. “Uomini, donne, anziani, giovani, tutti da ogni angolo del Paese chiedono il diritto islamico all’istruzione per le proprie figlie”, ha scritto in uno dei suoi ultimi tweet prima dell’arresto.

Il 21 marzo, durante il capodanno persiano che normalmente segna l’inizio dell’anno scolastico in Afghanistan, Pen Path ha lanciato una nuova campagna che ha fatto arrabbiare le autorità talebane, ha detto Attaullah.

“L’istruzione è un diritto fondamentale di tutti e loro non ne sono contenti”, ha detto. La famiglia era stata avvertita che i servizi di intelligence stavano indagando su di loro.

Pen Path continua a portare avanti la sua missione

Attaullah afferma di essere determinato a portare avanti il lavoro di Pen Path, nonostante la pressione dei talebani e la minaccia alla loro sicurezza. “Nelle nostre campagne chiediamo solo i diritti fondamentali della nostra gente, quello che vuole. Non fermeremo il nostro lavoro. Non ci fermeranno”, ha detto.

Le Nazioni Unite hanno invitato i talebani a chiarire dove si trova (Wesa), i motivi del suo arresto e a garantire il suo accesso alla rappresentanza legale e al contatto con la famiglia. Il vice capo della missione a Kabul ha definito la sua detenzione “scioccante” e ha anche chiesto il suo rilascio.

Divieto d’istruzione

L’Afghanistan è l’unico paese al mondo a vietare l’istruzione a ragazze e giovani donne a causa del loro sesso. Il divieto è un ordine personale del leader supremo solitario e ultraconservatore dei talebani, Hibatullah Akhundzada. Il gruppo afferma che si tratta solo di un divieto temporaneo, fino a quando non saranno soddisfatte le condizioni “islamiche”, ma i critici affermano che si tratta semplicemente di una scusa per una decisione che non ha alcuna giustificazione religiosa.

I talebani si sono rifiutati di dettagliare quali sono le condizioni o quando le scuole potrebbero riaprire. Il divieto introdotto nel 1996 è durato fino a quando non sono stati estromessi  nel 2001.

Tuttavia, ci sono state critiche alla sentenza all’interno dei ranghi del gruppo. Molti talebani anziani hanno educato segretamente le proprie figlie, in Afghanistan o all’estero, e alcuni hanno persino criticato pubblicamente il divieto.

Ultime notizie