martedì, 16 Aprile 2024

Sci, azzurri sottotono: Yule vince a Campiglio. Kristoffersen ancorasecondo

A Campiglio vince Daniel Yule davanti ancora a Henrik Kristoffersen che ottiene in terzo secondo posto in 4 giorni sempre di pochissimi centesimi. Gli azzurri: 13esimo Sala e 18esimo il rientrante Razzoli.

Da non perdere

Grande spettacolo come sempre nella gara notturna sul canalone Miramonti a Madonna di Campiglio che è stata vinta dallo svizzero Daniel Yule. Secondo successo sulla pista 3-Tre per lo svizzero che ottiene cosi la quinta vittoria in carriera tutte conquistate in slalom. Anche quest’oggi Henrik Kristoffersen ha dovuto, ancora una volta, accontentarsi di un secondo posto, così come nei 2 giganti dell’Alta Badia, questa volta 8 centesimi mentre domenica e lunedì aveva ceduto per 2 e 20 centesimi rispettivamente. Terzo si è classificato Linus Strasser, tedesco che sale così per la nona volta sul podio ringraziando una seconda manche col freno a mano tirato di Lucas Braathen. Il norvegese, al comando dopo la prima manche è sceso con un po’ troppa tranquillità che in slalom non ti puoi permettere e ha comunque ottenuto un prezioso quarto posto che comunque gli vale la conferma della leadership della classifica di specialità.

Gli azzurri hanno conquistato un 13esimo posto con Tommaso Sala e un 18esimo con il rientrante Giuliano Razzoli. Alex Vinatzer ha inforcato a metà prima manche, e adesso rischia di perdere posizioni importanti nella lista di partenza in slalom. Sfortunati ma autori di una prova non del tutto sufficiente Stefano Gross e Simon Maurberger rispettivamente classificati 32 e 31esimo nella prima prova. Fuori tutti gli altri azzurri compreso Tobias Kastlunger che si era piazzato a sorpresa decimo nel primo slalom della stagione in Val d’Isere.

Piccola chiosa sui pali “volanti” che abbiamo visto oggi, soprattutto nella seconda manche che, fortunatamente non hanno condizionato le gare di molti, ma avrebbero sicuramente potuto. Johannes Strolz, argento olimpico in carica stava andando forte nel mezzo della sua seconda manche quando un palo gli è finito in mezzo agli sci e lo ha portato all’uscita. Ricordiamo che proprio a Campiglio nel 2015 un drone cadde dal “cielo” e quasi colpì Marcel Hirscher che poi andò a vincere.

Adesso la Coppa del Mondo si ferma per la pausa natalizia ma gli uomini tornano subito dopo con la tappa di Bormio, dove sono previsti una discesa libera e un superG programmati rispettivamente il 28 e 29 dicembre.

Ultime notizie