giovedì, 29 Febbraio 2024

Emergenza migranti, cadavere di neonato trovato su un barchino a Lampedusa: aveva venti giorni di vita

Questa notte a Lampedusa è stato trovato il cadavere di un neonato su un barchino; il decesso del bimbo a causa di problemi respiratori. Nella giornata di ieri altre nove imbarcazioni sono approdate sull'isola.

Da non perdere

A largo di Lampedusa è stato trovato il cadavere di un neonato su un barchino di migranti diretti in Italia; aveva solo 20 giorni di vita ed era originario della Costa d’Avorio. La macabra scoperta questa notte, quando i militari della Capitaneria hanno soccorso il barchino con a bordo trentasei persone, due delle quali presentavano evidenti segni di ustioni sul corpo. Una volta giunti al molo Favarolo, i medici hanno esaminato il cadavere del neonato: il bimbo è morto a causa di problemi respiratori, come sostenuto dalla madre al momento del ritrovamento. La donna, insieme al resto dei migranti soccorsi, si trova adesso all’hotspot di contrada Imbriacola.

Gli ultimi numeri dell’emergenza nell’isola

Dalla mezzanotte in poi sono 118 i migranti soccorsi a Lampedusa. La Guardia Costiera ha dovuto raggiungere ed agganciare altri tre barchini. Nella giornata di ieri sono stati registrati ben nove sbarchi, per un totale di 522 persone approdate sull’isola. I migranti provengono da diverse parti dell’Africa, sarebbero in fuga da Costa d’Avorio, Burkina Faso, Guinea, Camerun e Nigeria. Le Autorità hanno accertato che tutte le imbarcazioni sono partite da Sfax, centro economico della Tunisia situato nella costa orientale del Paese.

Ultime notizie