mercoledì, 17 Aprile 2024

Botte da orbi tra “parenti serpenti”, lite in famiglia finisce in Questura: 22 denunciati. Volano calci pugni martelli e bastoni

Riuniti per le festività si sono conciati per le feste. I due gruppi di parenti si sono presi prima a calci e pugni e poi con armi improprie quali un martello, una chiave a croce svita bulloni, un coltellino svizzero e un bastone.

Da non perdere

Botte da orbi tra “parenti serpenti”, in senso lato ovviamente, protagonisti di una lite iniziata in famiglia e finita Questura. Ventidue cittadini di origine pakistana, di età compresa tra i 17 e i 46 anni, sono stati denunciati dai Carabinieri per una rissa scoppiata ieri a Cerro Maggiore, località di circa 15mila abitanti nella Città Metropolitana di Milano. Riunitisi in occasione delle festività, durante la discussione devono essere emersi vecchi rancori mai sopiti, rimasti a covare sotto la cenere. La discussione è divenuta via via sempre più accesa, fino a degenerare. Radunati in via Carso, i due gruppi di parenti, uno di Cerro Maggiore e un altro di Busto Garolfo, si sono presi prima a calci e pugni e poi con armi improprie quali un martello, una chiave a croce svita bulloni, un coltellino svizzero e un bastone, tutto posto sotto sequestro. Dall’ospedale in 21 sono stati dimessi con prognosi fino a 7 giorni, ad avere la peggio un 35enne che ha riportato una prognosi di 40 giorni per la frattura alla clavicola.

Ultime notizie