mercoledì, 6 Dicembre 2023

Baby prostitute per comprare borse firmate: 4 ragazze nei guai indagato l’amico “manager”

Quattro ragazze si sarebbero prostituite per guadagnare soldi in poco tempo e comprare accessori firmati e di lusso. Complice delle baby prostitute un loro ex compagno accusato di aver procurato loro i clienti, indagato per sfruttamento della prostituzione.

Da non perdere

Prostituzione minorile al solo scopo di acquistare beni di lusso. La scoperta è avvenuta nella zona del litorale romano, precisamente all’Infernetto e a Ostia. Un ragazzo di 20 anni è indagato per sfruttamento della prostituzione; il giovane avrebbe ricoperto il ruolo di “manager” di 4 ragazze tra i 18 e i 20 anni che si prostituivano per avere i soldi necessari a soddisfare il loro desiderio di fare acquisti molto costosi.

Il racconto

Il tutto sarebbe iniziato per gioco finendo poi, con il passare del tempo, in un vero e proprio  lavoro clandestino all’insaputa dei genitori. Le ragazzine, desiderose di poter comprare borse, accessori, scarpe e vestiti di lusso inaccessibili alle loro possibilità economiche, con l’aiuto del loro ex compagno di classe, fidanzato di una delle 4, hanno escogitato il modo per guadagnare tanti soldi in poco tempo: prostituirsi. Il patto tra i cinque era molto semplice: le ragazze mettevano il corpo, l’ex amico le conoscenze giuste e la pubblicità nei posti che contano.

I clienti selezionati sarebbero stati professionisti e imprenditori, tutti sopra i 40 anni, molto benestanti, tanto da potersi permettere di spendere per ogni incontro dai 400-500 euro in alberghi extra lusso. Il 20enne è ora indagato per il reato di prostituzione, anche se non risulta che abbia mai plagiato o costretto le giovani a vendere il proprio corpo, tutte sarebbero state consapevoli e consenzienti. Gli inquirenti stanno indagano sul patto stretto tra i protagonisti della vicenda dal momento che il ragazzo avrebbe incassato la metà del guadagno di ogni incontro delle baby prostitute con i loro clienti.

Ultime notizie