mercoledì, 5 Ottobre 2022

Sopresi a innaffiare la piantagione di cannabis, arrestati madre e figlio “dal pollice verde”

Sul mercato dello spaccio droga avrebbe fruttato diverse centinaia di migliaia di euro. I due sono stati sorpresi tra le piante alte tra i due e i tre metri. In casa mezzo chilo di hashish e metadone.

Da non perdere

A Montalto Uffugo, in provincia di Cosenza, una madre e suo figlio sono stati arrestati dai Carabinieri perché sorpresi a innaffiare diverse piante di canapa indiana in un terreno apparentemente destinato agli ortaggi. I militari, dopo essere riusciti ad individuare la coltivazione nei campi, hanno messo a segno il blitz durante il quale mamma e figlio “dal pollice verde” sono stati bloccati, colti tra 16 piante di canapa alte tra i due e i tre metri. L’operazione ha interessato anche ad un locale allestito a sala giochi, di proprietà dei due, dove i militari hanno trovato 20 grammi di sostanza stupefacente già essiccata assieme al necessario per la pesatura.

La perquisizione nelle case dei due hanno portato al sequestro di oltre mezzo chilo di marijuana; cinque flaconi di metadone da 100 milligrammi ciascuno; altre cinque porzioni di arbusto di cannabis appesi in modo rudimentale per l’essiccazione delle foglie; 80 euro in contanti; il materiale necessario a pesatura e confezionamento delle dosi. Le piante e la sostanza stupefacente sono state sequestrate e saranno sottoposte alle analisi tossicologiche. Sul mercato dello spaccio droga avrebbe fruttato diverse centinaia di migliaia di euro.

Ultime notizie