domenica, 25 Settembre 2022

Usa, documenti sequestrati da Fbi alla tenuta Trump: ex presidente chiede giudice “terzo” per esaminarli

L'ex presidente Donald Trump ha chiesto un giudice terzo, non dipendente dal Dipartimento di Giustizia, per assicurare che sia protetta l'integrità dei documenti sequestrati dai federali lo scorso 8 agosto.

Da non perdere

Dopo la perquisizione dell’Fbi alla tenuta di Donald Trump, a Mar-a-Lago, in Florida, l’ex presidente americano ha presentato una mozione alla Corte federale della Florida per richiedere la nomina di uno “special master”. Si tratterebbe di un giudice terzo non dipendente dal Dipartimento di Giustizia, per assicurare che sia protetta l’integrità dei documenti sulle armi nucleari, sequestrati dai federali lo scorso 8 agosto. Stando a quanto rivelato dal New York Times, Trump aveva conservato almeno 300 documenti classificati, di cui circa 150 consegnati alla National Archives and Records Administration a gennaio, mentre gli altri lasciati dai suoi rappresentanti al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti a giugno o sequestrati durante la perquisizione dell’Fbi.

La richiesta ai giudici da parte degli avvocati di Trump è ora quella di un’ingiunzione che impedisca qualsiasi ulteriore revisione dei materiali sequestrati fino alla nomina del giudice terzo e un elenco più dettagliato degli oggetti prelevati in casa dall’Fbi. Oltre a questo chiedono anche la restituzione di qualsiasi oggetto sequestrato “che non rientrasse nell’ambito del mandato di perquisizione”.

Ultime notizie