sabato, 20 Agosto 2022

Rimini, falsi certificati vaccinali ai figli: 21 genitori rinviati a giudizio

Sono stati rinviati a giudizio 21 genitori di bambini con età compresa tra i 2 e i 14 anni che avevano pagato un medico compiacente per farsi fornire falsi certificati vaccinali ed eludere l'obbligo per la frequentazione della scuola.

Da non perdere

La Procura della Repubblica di Rimini ha depositato la conclusione delle indagini per i 21 genitori che hanno chiesto a un medico di falsificare certificati vaccinali dei propri figli al fine di eludere l’obbligo relativo alla frequentazione della scuola. Il dottore, invece, iscritto all’Ordine dei Medici di Pesaro, e che falsificava i documenti vaccinali, risulta deceduto nel 2019. Corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio e falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico: questi i reati contestati da parte della Autorità Giudiziarie.

Trecento euro per un certificato falso

L’indagine dei Carabinieri di Riccione risale agli anni immediatamente precedenti al Covid e riguarda bambini che vanno dai 2 ai 14 anni. Secondo quanto emerso, ogni falso certificato di vaccinazione veniva pagato 300 euro. Queste le motivazioni per cui 21 genitori, che tra il 2016 e il 2018 grazie al medico compiacente hanno evitato di sottoporre i figli a vaccinazione obbligatoria per frequentare le aule scolastiche ricorrendo a falsi certificati, sono stati rinviati a giudizio.

Ultime notizie