sabato, 2 Luglio 2022

Tennis, Berrettini supera Otte con due tiebreak e vola in finale a Stoccarda

Il tennista italiano riesce a superare con un doppio 7-6 il padrone di casa Otte e ad accedere alla finale del torneo di Stoccarda. Il match è stato quasi sempre equilibrato con Otte che ha giocato un bel match e che si merita il nuovo best ranking fra i primi 50 del ranking.

Da non perdere

Giornata di semifinali all’Atp 250 di Stoccarda con Matteo Berrettini che, dopo il lungo stop causa infortunio alla mano che lo ha tenuto lontano dai campi per più di due mesi, scende in campo per un posto nella finale del torneo. L’ostacolo da superare è il padrone di casa, Oscar Otte n. 61 del ranking. Il tennista di Colonia viene da un buon torneo e non vuole farsi scappare l’occasione di giocarsi il titolo davanti ai propri tifosi.

IL 1° SET

Parte alla battuta il tedesco Otte che tiene a zero il turno di servizio, cosa che fa lo stesso Berrettini con i primi due game che scivolano via velocemente. Tre ace portano Otte al primo cambio campo sopra 2-1. Inizia in maniera molto aggressiva il tennista tedesco che sembra volere mandare subito un chiaro messaggio all’italiano. Ma il tennista romano non si lascia intimorire, soprattutto quando è al servizio e l’equilibrio si mantiene. Otte, grazie anche ad una bella stop volley sale a condurre 3-2. Al 5° game nessuno dei due ha mai faticato nei propri turni di battuta non concedendo nessuna palla break. Infatti, nonostante abbia servito molte seconde, Berrettini rimane in scia dell’avversario e il punteggio ora dice 3-3.

Nel 9° game arriva la prima palla break della partita e la concede Otte, con l’azzurro che potrebbe sfruttarla per andare a servire per il primo set. Ma nulla da fare perché il tedesco la cancella immediatamente e poi grazie ad una grande seconda sale 5-4. Nei successivi giochi entrambi i tennisti mantengono i propri turni di battuta, in particolare Otte che dopo aver rischiato sul 40-40 risolve il tutto tirando ogni colpo senza paura. Al cambio campo il risultato è di 6-5 per il tedesco. L’azzurro deve servire per rimanere in questo primo parziale e lo fa senza particolari problemi mandando il match sul 6-6.

La partita fino ad ora ha mantenuto un buonissimo livello nonché un semi-perfetto equilibrio. I primi due punti del tiebreak nascono grazie a due mini break, con Otte che controlla bene una buona riposta di Matteo che è sotto 2-3. L’italiano non molla e con un dritto incrociato in avanzamento pareggia i conti; e al giro di campo il risultato è di 3 pari. Otte commette il primo doppio fallo della partita mentre l’azzurro non sbaglia nei suoi due servizi e conquista la prima palla-set, che il tennista di casa riesce a salvare in meno di un secondo grazie ad un ace. Ora l’equilibrio è perfetto più che mai, con i due atleti sul 6-6. Ogni punto può dare un set point per l’uno o per l’altro giocatore. Matteo mette a segno un ace salvando un set point al n.61 del mondo, e dopo una risposta senza senso del tedesco, si guadagna la seconda palla set. Il tennista di Colonia va fuori giri e commette uno sciagurato doppio fallo che consente all’italiano di incassare tiebreak e set per 7-6. Il primo parziale è stato giocato senza paura da entrambi i tennisti fino a quando Otte sembra aver perso concentrazione e pazienza sul finale del tie lasciando strada al tennista romano.

IL 2° SET

Il secondo parziale si apre con Berrettini al servizio che inizia bene portandosi veloce sull’1-0. Otte non è da meno e pareggia i conti sul 1-1. Il secondo set sembra seguire lo stesso copione del primo, con i due tennisti che non concedono nulla durante i propri turni di battuta. Si arriva a 3-3 con Matteo che sembra nervoso seppur senza un motivo apparente. Nonostante ciò riesce a mantenere la concentrazione e con due servizi solidi, un ace e un servizio al corpo dell’avversario si porta a 4-3.

Dopo un altro game dove non è mai partito lo scambio, Berrettini serve in maniera devastante con una prima ad uscire a 220 km/h e sale 5-4. Ora, come è stato nel primo set per l’azzurro, è Otte che è costretto a servire per rimanere nel set e nel match soprattutto. Dopo aver perso il primo 15, il tedesco si porta 40-15 e con una giocata alla Panatta a rete, colpendo la palla in tuffo, pareggia i conti. Il risultato ora dice 5-5. All’11° game Matteo è perfetto al servizio e va sul 5-4 garantendosi almeno il tie break che diventa realtà dopo che Otte tiene il suo turno di battuta seppur con qualche rischio.

Come successo nel primo set, stavolta i due tennisti non concedono mini break in apertura, con l’azzurro che sale a condurre 3-2. In seguito, grazie ad una bella giocata, slice di rovescio in avanzamento e schiaffo al volo, Berrettini conquista il primo mini break portando il punteggio 4-2 in suo favore. La partita sembra indirizzarsi verso l’italiano che con un ace va 6-3, con 3 match point a disposizione. Dopo che Otte ne salva due col servizio, Matteo si ritrova a servire per la partita. Arriva lo scambio decisivo: il tennista romano scende a rete con una palla in slice non pesante ma il passante di Otte si ferma sotto il nastro e così Matteo vola in finale a Stoccarda grazie ad un doppio 7-6.

Per Otte la consolazione di entrare per la prima volta in carriera, dopo questa semifinale, fra i primi 50 del mondo. Nel post, il tennista azzurro analizza la partita in particolare quello che succede sugli spalti e alla domanda su come si sente a vincere sul campo centrale di Stoccarda, risponde ironicamente “Forse avrò origini tedesche… ma vedo anche tante bandiere italiane e ringrazio: probabilmente anche qui amano il mio gioco. Ho chiesto molto al servizio oggi e sono contento di esserci riuscito”. Ora un forte in bocca al lupo per la finale di domenica, che potrebbe portare Berrettini a vincere un trofeo che sarebbe assolutamente meritato.

Ultime notizie