venerdì, 1 Luglio 2022

Serie A, tutto pronto per il gran finale: Milan e Inter si contendono lo scudetto. Salernitana e Cagliari sperano nella salvezza

C'è grande attesa per gli ultimi verdetti del campionato: al Milan basterà un punto per laurearsi campione mentre l'Inter spera in un passo falso dei cugini. Salernitana e Cagliari conosceranno il loro destino. La 38esima giornata inizia questa sera con Torino-Roma.

Da non perdere

È tutto pronto per il gran finale. Uno dei campionati più avvincenti della storia del calcio italiano volge al termine e sarà proprio l’ultima giornata a regalare gli ultimi verdetti: dalla squadra che si aggiudicherà il titolo, passando per la zona Europa, fino ad arrivare ai club che lottano per la salvezza.

La giornata si apre oggi alle 20:45 quando la Roma chiuderà il suo campionato all’Olimpico di Torino. Dopo il pareggio in casa contro un Venezia già retrocesso, la squadra di Josè Mourinho vuole terminare al meglio una stagione fatta di alti e bassi ma la testa sarà proiettata già a mercoledì quando i giallorossi affronteranno il Feyenoord in finale di Conference League. Di fronte troveranno un Torino che non vuole fare sconti, reduce dalla vittoria contro il Verona e pronto a difendere il decimo posto in classifica.

Sabato alle 17:15 si affrontano Genoa e Bologna, due squadre che non hanno più nulla da chiedere al campionato. Il Grifone è matematicamente retrocesso in serie B dopo la sconfitta al Maradona di Napoli e il pareggio della Salernitana ad Empoli; gli uomini di Mihajlovic, invece, hanno spento l’entusiasmo dopo l’ottimo campionato disputato in cui sono riusciti a fermare Milan, Juventus ed Inter.

Alle 20:45 Fiorentina ed Atalanta cercheranno di accaparrarsi l’ultimo posto disponibile per le competizioni europee. L’impegno più difficile è quello della Viola che ospita gli acerrimi nemici bianconeri nella partita che segnerà anche il ritorno di Vlahovic nel suo recente passato; la Dea, invece, deve invertire la tendenza negativa delle ultime uscite e per farlo se la vedrà con l’Empoli che non ha più nessun obiettivo ma che punta a stupire ancora. Discorso differente per la Lazio, impegnata all’Olimpico contro il Verona; gli uomini di Sarri sono già sicuri della qualificazione in Europa League dopo il punto guadagnato nel pareggio in extremis con la Juventus.

Domenica alle 12:30 il Napoli cerca la vendetta contro lo Spezia che nel girone d’andata si impose al Maradona costringendo gli azzurri a perdere punti importanti nella corsa scudetto. In quel periodo Thiago Motta era a rischio esonero ma ora la sua squadra è matematicamente salva dopo la vittoria per 3 a 2 ottenuta alla Dacia Arena contro l’Udinese. Anche gli uomini di Spalletti sono liberi da ogni pressione avendo già raggiunto e consolidato il loro obiettivo stagionale: un piazzamento in Champions League.

Il momento clou dell’ultimo turno va in scena alle 18:00 quando in contemporanea si giocheranno Sassuolo-Milan e Inter-Sampdoria per l’assegnazione dello scudetto. I rossoneri, in grande slancio e guidati da un Leao straripante, sono primi in classifica con due punti di vantaggio sui cugini ma sfideranno la loro bestia nera, capace di imporsi 3 a 1 a San Siro nel girone d’andata; basterà un punto per laurearsi campioni d’Italia. Dopo la vittoria sul Cagliari, i nerazzurri, invece, dovranno battere i blucerchiati, già salvi e galvanizzati dal successo contro la Fiorentina, e sperare in buone notizie da Reggio Emilia. Ad indicare la via è mister Inzaghi memore della vittoria della Lazio all’ultima giornata nella stagione 1999-2000, dopo la disfatta della Juventus sul campo del Perugia.

La bagarre salvezza si chiuderà alle 21:00 quando Salernitana e Cagliari conosceranno il loro destino. I granata ospiteranno l’Udinese davanti ad un Arechi tutto esaurito che vorrà spingere la squadra verso la permanenza in serie A, un vero e proprio miracolo sportivo architettato dal tecnico Nicola e dal ds Sabatini. Momento buio per il Cagliari che si gioca tutto al Penzo di Venezia contro una squadra già retrocessa. Neanche il cambio di allenatore, il terzo in questo campionato, sembra aver sortito effetti per i rossoblù, autori di una stagione disastrosa.

Ultime notizie