giovedì, 19 Maggio 2022

Serie A, la Salernitana non va oltre il pareggio ad Empoli. Lo Spezia conquista la salvezza Vince il Torino a Verona

Non è ancora chiusa la bagarre salvezza con la Salernitana che pareggia ad Empoli ma fallisce il rigore decisivo. Lo Spezia espugna Udine 3-2 e conquista la permanenza in serie A. Vittoria di misura del Torino a Verona.

Da non perdere

Volge al termine il campionato di serie A ma alla 37esima giornata non ci sono ancora verdetti certi. Uno di questi è la bagarre per la salvezza che al momento vede immischiate Salernitana, Cagliari e Genoa.

Alle 15:00, al Castellani di Empoli, la Salernitana ha acciuffato un pareggio fondamentale per le speranze di permanenza nella massima categoria, considerati anche gli impegni difficili di Cagliari e Genoa rispettivamente contro Inter e Napoli. L’1 a 1 maturato contro l’Empoli, inoltre, condanna il Venezia alla matematica retrocessione in serie B. Nel primo tempo sono i padroni di casa a portarsi in vantaggio grazie ad un’azione corale grazie alla quale Asllani riesce a verticalizzare per Cutrone, bravo a mettere in rete a tu per tu con Sepe. I granata reagiscono con orgoglio e nel finale sovvertono l’inerzia del match: al 76′ trovano il pareggio con Bonazzoli che risolve una mischia con una rovesciata che beffa l’estremo difensore avversario. All’84’ gli uomini di Nicola avrebbero l’opportunità di rimontare ma Perotti fallisce il tentativo dal dischetto lasciandosi ipnotizzare da Vicario. Sarà l’ultima giornata a decretare le squadre che abbandoneranno la serie A.

Alle 18:00 basta un punto allo Spezia per raggiungere la matematica salvezza e i liguri ne conquistano addirittura tre espugnando la Dacia Arena di Udine per 3 a 2. Parte meglio l’Udinese che passa in vantaggio al 26′ con il settimo goal in campionato di Molina che approfitta di un rinvio errato di Maggiore per scaricare un tiro potente sotto la traversa. Al 35′ però inizia la rimonta spezzina con Verde che colpisce al volo un cross perfetto di Ferrer. La rimonta si concretizza al 43′: il protagonista è ancora Ferrer che sottrae la palla a Pablo Marì e serve la palla a Gyasi che si libera di Nuytinck con una veronica e batte Silvestri. Nella ripresa la squadra di Thiago Motta parte con la stessa determinazione e arrotonda il risultato al 47′ quando Maggiore finalizza una ripartenza veloce condotta da Verde mettendo in rete da pochi passi. Nel finale è ancora Molina ad avere l’occasione per riaprire la partita ma l’esterno argentino non inquadra la porta due volte. C’è ancora tempo però per le emozioni perché al 90′ l’arbitro concede un calcio di rigore agli ospiti fallito da Manaj e al 94′ Pablo Marì accorcia le distanze con un colpo di testa su calcio di punizione di Deulofeu.

Allo stesso orario va in scena il match tra Verona e Torino, due squadre che non hanno più nulla da chiedere al campionato ma che danno vita ad una vera e propria battaglia. Alla fine sono i granata ad aggiudicarsi i tre punti grazie alla vittoria per 1 a 0. Dopo l’occasione di Lasagna che impegna Berisha è la squadra di Juric, ex della gara, a rompere l’equilibrio: al 19′ Brekalo entra in area e lascia partire un tiro a giro che colpisce la traversa prima di terminare in rete. Al termine della prima frazione i padroni di casa sfiorano il pareggio con un tiro di Lazovic disinnescato ancora dall’estremo difensore granata. Al 79′ gli ospiti si rendono pericolosi e provano a chiudere la pratica ma solo il palo nega la via del goal a Pellegri.

Ultime notizie