sabato, 22 Gennaio 2022

Super Green Pass in funzione: è record di certificazioni verdi

Mentre in tutta Italia è scattato ufficialmente il Super Green Pass con un boom di certificazioni, l'Alto Adige si tinge di giallo.

Da non perdere

Scatta ufficialmente, da oggi fino al 15 gennaio, il Super green pass in Italia che cambia e rafforza le regole per tutti, tra vaccinati, guariti e non vaccinati. Le nuove disposizioni si baseranno sul colore della propria Regione di appartenenza e varieranno dal bianco al rosso. Il documento di palazzo Chigi che spiega quali attività sono consentite senza green pass, con pass ‘base’ e con il certificato “rafforzato” tocca 13 ambiti: spostamenti, impianti di sci, lavoro, accesso a esercizi e uffici, scuola e università, strutture socio-sanitarie, bar e ristoranti (esclusi quelli nelle strutture ricettive), strutture ricettive, attività sportive in strutture pubbliche e private, attività ed eventi culturali, eventi sportivi, attività ricreative, concorsi pubblici. Coloro i quali fossero sprovvisti di green pass rafforzato non potrà prendere il caffè al bancone nei bar o sedersi ad un tavolo all’aperto di un ristorante se il proprio Comune o la propria Regione passano in zona arancione. Ma, potranno, nei giorni feriali, andare a fare shopping nei centri commerciali. La Faq del Governo serve anche a chiarire i dubbi ancora aperti anche se sono numerosi i nodi da sciogliere, a partire dalla questione sollevata dalle Regioni che hanno chiesto una “moratoria” dell’obbligo del pass su bus e metro per i 12-18enni.

Intanto, si registra un nuovo record di Green pass scaricati e registrati nelle ultime 24 ore: un totale di 1.310.001 tra quelli base e rafforzati. A spingere il numero sono state sopratutto le vaccinazioni, in particolare secondo quanto emerge dai dati del sito del Governo, sono stati 968.069 i Green pass scaricati ieri per avvenuta vaccinazione, 336.563 quelli per l’effettuazione di un tampone e 5.369 per guarigione dal Covid.

In concomitanza con l’avvento del Super Green Pass, oggi, dopo il Friuli Venezia Giulia, anche l’Alto Adige si tinge di giallo, che oltre le restrizioni della nuova certificazione rafforzata metterà in atto una serie di nuove regole al fine di contenere la diffusione del virus. In particolare, il presidente Arno Kompatscher, con l’ordinanza n° 37, ha inserito delle norme più severe nella gastronomia e nelle aree di intrattenimento: “La consumazione all’interno dei locali (al tavolo e al banco) è ammessa solo previa presentazione della certificazione verde. Per andare in treno o in bus è obbligatoria la mascherina FFP2 a partire dai 6 anni. Per quanto riguarda gli impianti sciistici, trovano applicazione le linee guida nazionali“. Nel caso di “spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri luoghi accessibili al pubblico, anche all’aperto, sono svolti dietro la presentazione da parte del pubblico della certificazione verde rinforzata“, si legge nell’ordinanza. Stesso discorso per le le attività che hanno luogo in sale da ballo, discoteche e locali assimilati; eventi sportivi, stadi e palazzetti; feste e cerimonie pubbliche.

 

 

Ultime notizie