domenica, 28 Novembre 2021

Covid, rischio Natale in lockdown: “Sì a restrizioni ma solo per non vaccinati”

Da non perdere

A prescindere dal colore assegnato alla zona, le restrizioni devono essere messe in atto solo per chi non è vaccinato: è questa la soluzione che vogliono mettere in atto le regioni. Il Governatore della Regione Liguria, Giovanni Toti, si è fatto portavoce di queste linee guida comuni e ha infatti dichiarato: “Quello che deve essere chiaro a tutti è che chiederemo come Regioni che le misure restrittive legate alle fasce di colore, se devono valere per qualcuno, valgano per le persone che non hanno fatto il vaccino e non per le persone che lo hanno correttamente fatto”.

Toti ha poi continuato chiarendo: “Non vorrei riparlare di chiusure, ma se qualcuno deve essere convinto sono coloro che non si sono vaccinati, se le misure devono essere prese devono essere prese solo per i non vaccinati e non certo per chi ha fatto fino in fondo il suo dovere”.

Il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, si è mostrato d’accordo con Toti e ha sottolineato: “Le restrizioni non possono essere a carico dei vaccinati, sarebbe eccessivo far pesare la situazione a chi si è fatto due o addirittura tre dosi proteggendo se stesso e la comunità”.

Sulla questione anche Matteo Renzi, che ha paragonato il futuro dell’Italia al presente dell’Austria, dichiarando: “Siamo all’inizio della quarta ondata del Covid. Da mesi diciamo che bisogna conviverci. L’unico modo per conviverci è il vaccino. Bisogna, dunque, accelerare sulla terza dose. E bisogna dire che le restrizioni devono essere come in Austria: sei vaccinato? Ti muovi liberamente. Non sei vaccinato? Vai in lockdown”.

Ultime notizie