martedì, 19 Ottobre 2021

Patrick Zaki: “Riportatemi in Piazza Maggiore”. Fra due giorni l’udienza

Patrick Zaki ha consegnato ieri una lettera alla sua legale. Il ricercatore, a due giorni dalla nuova udienza, si congratula con i colleghi e ringrazia Amnesty.

Da non perdere

Durante il colloquio svoltosi ieri al carcere di Tora con l’avvocata Hoda Nasrallah, Patrick Zaki ha consegnato alla legale una nuova lettera per tranquillizzare sul suo stato di salute. “Cari tutti, voglio rassicurare la mia famiglia, i miei amici e la mia fidanzata che sono in buona salute”, scrive Zaki, lo studente dell’ateneo bolognese accusato di propaganda sovversiva e terroristica. “Vorrei congratularmi con i miei colleghi all’università per la loro laurea. Auguro loro buona fortuna per quello che faranno in futuro” aggiunge il 30enne egiziano riferendosi ai suoi compagni del master Gemma che hanno concluso il corso di studi la scorsa settimana. Tra loro doveva esserci anche lo stesso Zaki, il cui sogno è stato spezzato a febbraio 2020, quando è stato arrestato all’aeroporto del Cairo. “Riportami in Piazza Maggiore. Grazie alla città all’università e alle bandiere gialle”, quelle della campagna di Amnesty per la liberazione dello studente.

Fra due giorni riprenderà il processo al tribunale di Mansoura, dopo il rinvio a giudizio lo scorso 6 settembre. La difesa chiede il rilascio di Patrick Zaki o almeno la consegna del fascicolo processuale, in quanto l’accusa si reggerebbe ora non solo sui post incriminati pubblicati su Facebook, ma in particolare su un articolo scritto dal ricercatore nel 2019 sulla minoranza cristiana in Egitto. Diversamente da quando detto durante la prima udienza, non sono stati archiviati i capi d’imputazione più gravi, quelli della propaganda eversiva e terroristica, un dato che peserà sull’eventuale condanna. Zaki rischia di pagare una multa o peggio cinque anni di detenzione. Tuttavia, secondo Nasrallah, non è possibile prevedere quale potrà essere la pena massima che la corte egiziana potrebbe infliggere al ricercatore.

Ultime notizie