sabato, 31 Luglio 2021

Gentiloni: “Nel 2021 l’economia dell’UE registrerà la crescita più rapida degli ultimi decenni”

Secondo le previsioni economiche dell'estate 2021, l'economia dell'UE e della zona Euro dovrebbe crescere del 4,8% quest'anno e del 4,5% nel 2022.

Da non perdere

Quest’anno l’economia dell’UE dovrebbe registrare la sua crescita più rapida degli ultimi decenni, alimentata da una forte domanda sia a livello nazionale che mondiale e da una riapertura del settore dei servizi più rapida del previsto a partire dalla primavera“.

Per il Commissario Europeo all’Economia, Paolo Gentiloni, si prevede una ripresa dell’economia europea più rapida di quanto atteso in precedenza, poiché l’attività nel primo trimestre dell’anno ha superato le aspettative e il miglioramento della situazione sanitaria ha determinato un allentamento più rapido delle restrizioni per il controllo della pandemia nel secondo trimestre.

Come indicato dal comunicato stampa, secondo le previsioni economiche intermedie di estate 2021, l’economia dell’UE e della zona Euro dovrebbe crescere del 4,8% quest’anno e del 4,5% nel 2022. Rispetto alle previsioni di primavera precedenti, il tasso di crescita per il 2021 è significativamente più elevato nell’UE (+0,6 punti percentuali) e nella zona euro (+0,5 punti percentuali), mentre per il 2022 è leggermente più elevato in entrambe le aree (+0,1 punti percentuali).

Si prevede che il PIL reale tornerà al livello precedente alla crisi nell’ultimo trimestre del 2021 sia nell’UE che nella zona Euro; per quest’ultima si tratta di un trimestre prima di quanto indicato nelle previsioni di primavera.

Le previsioni per l’Italia

Buone le previsioni anche per l’Italia, per la quale si prevede nel 2022 il raggiungimento di livelli di crescita pre-crisi, con un tasso crescita del 5%, “cifre da boom economico“. Il Commissario ha però sottolineato che non bisogna accontentarsi di un rimbalzo “che ci riporti alla crescita molto striminzita degli ultimi anni” e quindi “dobbiamo utilizzare investimenti e riforme del Pnrr per avere una crescita stabile, duratura e sostenibile“.

Il Pil dell’Italia è previsto in crescita del 5% nel 2021 e del 4,2% nel 2022. “Le previsioni per il 2021 sono molto più elevate rispetto a quelle della scorsa primavera perché le attività economiche hanno reagito meglio del previsto” anche a seguito della “riduzione delle limitazioni alla attività delle aziende e alla mobilità, grazie ad investimenti pubblici e privati“.

Le precedenti previsioni:

Covid, Gentiloni: “Prevediamo una forte crescita sia nel 2021 che nel 2022”

 

Ultime notizie