sabato, 15 Maggio 2021

Covid, dal 26 aprile nuovi cambi colore e riaperture: ecco cosa cambia.

La decisione ufficiale è attesa nelle prossime ore, poi il ministro Speranza firmerà la nuova ordinanza che entrerà in vigore, come il decreto legge, lunedì 26 aprile. 

Da non perdere

Il nuovo decreto vede un cambio di colore in positivo per alcune regioni tra cui Lombardia, Lazio, Veneto, Emilia Romagna, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia che passano dal rosso all’arancione: da lunedì 26 aprile nuove aperture in queste regioni di bar, ristoranti a pranzo e a cena, scuole. Resta tuttavia invariato il coprifuoco alle 22.

Non confermato invece il cambio colore per alcune regioni tra cui Toscana, Marche, Molise e Umbria, Campania, Sicilia e Calabria che sperano in una virata verso l’arancione. Situazione critica invece per Puglia, Sardegna e Valle d’Aosta che restano strettamente in zona rossa, almeno secondo le previsioni.

I cambi di colore sono certamente il risultato delle misure adottate e dei miglioramenti che queste hanno apportato in termini di riduzione dei contagi e del carico sugli ospedali.
In Veneto il presidente Zaia afferma di avere indici da zona gialla snocciolando i dati. “L’Rt è a 0,71 e un’incidenza di 126,8” – ha spiegato – “l’occupazione nelle terapie intensive del 22% (con il limite al 30%) e nelle aree non critiche al 20% (rispetto al limite del 40%).”

Nel Lazio l’assessore regionale alla sanità Alessio D’Amato afferma che sebbene i numeri siano da zona gialla, la pressione sugli ospedali è ancora troppo alta. Il governatore dell’ Abruzzo Marco Marsilio mostra i dati della sua regione con segnali positivi e punta alla promozione turistica per l’estate.

Il governatore dell’Emilia Romagna Bonaccini è fiducioso che la sua regione passi in giallo, attendendo la conferma dal comitato tecnico scientifico. Ottimi dati dal Piemonte dove in 6 giorni i contagi sono calati del 20%, la percentuale di positività dei tamponi scende dal 10,7% a 9% e il tasso di occupazione dei posti letto ordinari cala da 61% a 47%, quello dei posti letto in terapia intensiva da 50% a 45%.

Riassumendo la nuova situazione che partirà dal 26 aprile e le variazioni nei singoli ambiti nelle regioni che diventeranno gialle. Le persone con GREEN PASS potranno spostarsi tra regioni sia in zona gialla che in zona arancione o rossa.

Spostamenti consentiti verso un’altra abitazione privata dalle 5 alle 22 solo una volta al giorno per massimo 4 persone conviventi. Le persone che si spostano potranno portare con sé i minorenni sui quali esercitino la responsabilità genitoriale e le persone con disabilità o non autosufficienti conviventi. Questa regola vale per zona gialla e arancione, mentre restano vietati gli spostamenti anche verso case private in zona rossa.

Ristoranti e bar , purché all’aperto, presteranno servizio sia a pranzo che a cena.
Cinema e teatri apriranno con distanziamento e con una capienza massima del 50 % rispetto alla capienza solitamente consentita, fermo restando che il numero massimo consentito in spazi chiusi è 500 e 1000 per eventi all’aperto, come rende noto Palazzo Chigi.

Scuola, in zona rossa presenza in aula consentita al 75% . In zona gialla si passa dal 70 al 100% di presenti in aula. Nelle università delle zone gialle e arancioni le attività si svolgono prioritariamente in presenza. Nelle zone rosse si raccomanda di favorire in particolare la presenza degli studenti del primo anno.

Sport, graduali le riaperture: dal 26 aprile consentite le attività sportive anche di contatto.
Dal 15 maggio riprendono l’attività le piscine all’aperto e dal 1 giugno ripartono anche le palestre.

Ultim'ora