mercoledì, 12 Giugno 2024

Milano, blitz antiterrorismo: 19 arresti in tutta Italia

Un'operazione congiunta di vari corpi di polizia nazionali e internazionali hanno sventato possibili attentati terroristici.

Da non perdere

Un’operazione congiunta delle forze dell’ordine di Italia, Turchia e Svizzera ha portato all’arresto di 19 persone di origine turca domiciliate tra Italia, Germania e Svizzera. Tra questi figura anche il presunto capo criminale Bariş Boyun, uno degli uomini più ricercati da Ankara. Le misure cautelari sono state emesse dal gip del Tribunale di Milano su richiesta della procura della Repubblica di Milano.

L’operazione antiterrorismo

Il tracciamento della cosca è avvenuto grazie alle operazioni di intercettazione telefonica e ambientale. Grande aiuto hanno fornito i pedinamenti e i servizi di osservazione messi in atto sul territorio nazionale italiano. Protagonista il complesso scambio informativo tra l’Interpol, la polizia di Stato e il KOM (polizia turca).

Le indagini hanno portato alle accuse di associazione per delinquere, banda armata diretta a costituire un’associazione con finalità terroristiche, detenzione e porto illegale di armi ed esplosivi, traffico internazionale di stupefacenti, omicidio e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Il programma terroristico

“Dammi una settimana di tempo, sto facendo grandi preparatorie, tutta la Turchia ne parlerà”. Queste le parole di Boyun, 39enne già noto alle forze dell’ordine italiane. Il criminale, secondo le intercettazioni, già nel 2022 stava preparando un attentato terroristico sul suolo turco per scalzare lo status quo che attualmente terrebbe in scacco il governo di Ankara. A quanto risulta, questo attentato è solo uno dei tanti che Boyun stava preparando, e sarebbe solo la punta dell’iceberg di una guerriglia armata che vedrebbe coinvolto anche un altro gruppo terroristico rivale. Le due bande armate avrebbero ramificazioni in tutta Europa. Il gip di Milano desume la situazione di pericolo “dalla gravità e dalla vastità del contesto associativo, che ha dimostrato tutta la propria potenza di fuoco e la ramificazione in Europa”.

Ultime notizie