martedì, 28 Maggio 2024

Ucraina, estate critica per Kiev: la guerra arriva ad un bivio

Con l'apertura di un nuovo fronte nella regione di Kharkiv e una persistente carenza di munizioni, seppur in lieve miglioramento, il presidente Volodymyr Zelensky ha parlato apertamente delle sfide in corso.

Da non perdere

L’estate dell’Ucraina è iniziata sotto il segno delle difficoltà, mentre la guerra con la Russia si intensifica. Con l’apertura di un nuovo fronte nella regione di Kharkiv e una persistente carenza di munizioni, seppur in lieve miglioramento, il presidente Volodymyr Zelensky ha parlato apertamente delle sfide in corso. Durante un incontro con il segretario di Stato americano Antony Blinken, giunto a sorpresa nella capitale ucraina, Zelensky ha ringraziato per il cruciale pacchetto di aiuti approvato dal Congresso americano, ma ha sottolineato l’urgenza di ulteriori sistemi di difesa aerea Patriot per Kharkiv.

Il governatore della regione di Kharkiv, Oleh Syniehubov, ha riferito che oltre 7.000 persone sono state evacuate dalle zone colpite dai combattimenti iniziati venerdì scorso, quando le forze russe hanno attraversato il confine alle cinque del mattino. La situazione rimane critica, con Mosca che ora controlla almeno nove insediamenti nella regione. Tuttavia, le forze ucraine affermano di mantenere il controllo su Vovchansk, nonostante le rivendicazioni russe di avere il controllo delle zone occidentale e settentrionale della cittadina e del villaggio di Buhruvatka.

L’intelligence britannica ha sottolineato che l’attacco russo a nord è un tentativo di distogliere le risorse ucraine da altre parti della linea del fronte e di minacciare Kharkiv. Sebbene ritenga improbabile che la Russia abbia ammassato risorse sufficienti per conquistare la città senza ulteriori rinforzi, l’intelligence ha confermato che il Raggruppamento di forze settentrionale, di recente formazione, è responsabile degli attacchi nella regione.

Il generale Kyryl Budanov, responsabile dell’intelligence militare ucraina, ha espresso preoccupazione per la situazione attuale, definendola “sull’orlo del baratro”. In una videointervista rilasciata al New York Times da un bunker a Kharkiv, Budanov ha confermato che gli attacchi russi nel nord-est del paese stanno mettendo a dura prova le riserve di soldati ucraini, costringendo l’esercito a ritirare truppe da altre aree del fronte per rafforzare le difese nel nord-est.

La missione di Blinken a Kiev mira a riaffermare il duraturo sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina, discutendo dello stato dei campi di battaglia, dell’impatto dei nuovi aiuti economici e di sicurezza, e dei progetti di ricostruzione del paese. Da Londra, il ministro britannico della Difesa, Grant Shapps, ha dichiarato alla BBC che sarà un’estate difficile, ma ha espresso fiducia nella capacità dell’Ucraina di superare le aspettative e resistere all’invasione russa.

Il sostegno internazionale, specialmente quello strategico del Regno Unito, rimane essenziale per impedire una vittoria russa, ha affermato Shapps, ribadendo l’importanza di fornire all’Ucraina armi a lungo raggio, artiglieria e munizioni per continuare a difendersi.

Ultime notizie