lunedì, 15 Aprile 2024

Mali, rapimento di connazionali nel Mali: liberati tre italiani dopo mesi di prigionia

La famiglia Langone, che viveva a Koutiala da diversi anni, faceva parte di una comunità di Testimoni di Geova ed era perfettamente integrata nella zona.

Da non perdere

Nella calda notte del Mali, tre cittadini italiani hanno finalmente ritrovato la libertà dopo essere stati tenuti in ostaggio per mesi. Rocco Langone, la moglie Maria Donata Caivano e il figlio Giovanni Langone erano stati rapiti il 19 maggio 2022 nella loro casa alla periferia della città di Koutiala, a sud-est della capitale Bamako. Quest’area è nota per la presenza diffusa di miliziani jihadisti, e il rapimento è stato attribuito a una fazione jihadista associata al JNIM (Gruppo di supporto per l’Islam e i musulmani), affiliato ad al-Qa’ida, attivo in gran parte dell’Africa occidentale.

La famiglia Langone, che viveva a Koutiala da diversi anni, faceva parte di una comunità di Testimoni di Geova ed era perfettamente integrata nella zona.

Il loro rilascio è stato reso possibile grazie all’intensa attività svolta dall’AISE (Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna) in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale sin dal momento del sequestro. I contatti dell’AISE con figure tribali e i servizi di intelligence locali hanno giocato un ruolo fondamentale nel garantire il rilascio della famiglia.

Nonostante la lunga prigionia, i membri della famiglia Langone sono in buone condizioni di salute. Il loro ritorno in Italia è atteso per oggi, con un arrivo previsto intorno alle 15:30 all’aeroporto di Ciampino, come comunicato dalla Farnesina.

Il vicepremier e Ministro degli Esteri, Antonio Tajani, sarà presente per accogliere la famiglia Langone e garantire loro il sostegno necessario durante questo difficile periodo di transizione.

Questo evento ha suscitato un’ondata di sollievo e solidarietà in Italia, mentre la nazione accoglie con gioia il ritorno dei suoi cittadini dopo un’esperienza così traumatica all’estero.

Ultime notizie