martedì, 27 Febbraio 2024

Domenica In, censura su Dargen D’Amico sulla Rai: “Difficile parlare di migranti”. Censura anche su Israele e quello che accade a Gaza.

Dargen D'Amico è stato interrotto da Mara Venier mentre parlava dell'argomento delicato dell'accoglienza e dei migranti, ma anche delle bombe che colpiscono i bambini innocenti su Gaza da parte di Israele.

Da non perdere

Durante la trasmissione di Domenica In di ieri, 11 febbraio 2024, interamente dedicata al Festival di Sanremo, Dargen D’Amico è stato interrotto da Mara Venier mentre parlava dell’argomento delicato dell’accoglienza e dei migranti, ma anche delle bombe che colpiscono i bambini innocenti su Gaza da parte di Israele.

Il cantante, in gara al Festival con il brano “Onda Alta”, ha affrontato il tema dell’ospitalità e dell’accoglienza in Italia, sottolineando come la tradizione italiana abbia sempre puntato sull’apertura e sulla generosità verso gli altri. Ha raccontato come un tempo, quando un bambino bussava alla porta di casa per chiedere aiuto, veniva accolto senza troppe domande, ricevendo cibo e riparo.

D’Amico ha espresso preoccupazione per il cambiamento di atteggiamento nei confronti degli immigrati e ha evidenziato l’importanza di proteggere i bambini, sottolineando che se non si protegge la nuova generazione, nulla funzionerà nel paese.

Il cantante ha poi affrontato il tema economico dell’immigrazione, sottolineando che, contrariamente a quanto si pensi, gli immigrati contribuiscono positivamente all’economia italiana, versando nelle casse statali più di quanto venga speso per l’accoglienza. Ha sottolineato l’importanza di affrontare tali questioni con dati e statistiche.

Tuttavia, il dibattito è stato interrotto da Mara Venier, una vera e propria censura, che ha cercato di camuffare con l’importanza di concentrarsi sulla musica durante la trasmissione. Ha sottolineato che affrontare tematiche così complesse richiederebbe molto più tempo e che, data la natura dello spettacolo, era necessario passare ad altri argomenti. Un momento molto basso a cui poi è seguito un comunicato di un delegato Rai che sottilineava l’impegno dei TG a seguire le vicende dei tristi accadimenti causati da “Hamas”, anche se per dovere di cronaca è Israele che sta bombardando uccidendo civili e bambini innocenti, anche questo è molto imbarazzante e viene dalla televisione di stato.

Dargen D’Amico ha accettato le scuse, ma ha ribadito la sua difficoltà nel non rispondere alle domande che gli vengono poste, mostrando la sua sensibilità verso le tematiche sociali anche in un contesto dedicato alla musica.

Ultime notizie