martedì, 5 Marzo 2024

USA, il senato boccia aiuti e armamenti per l’Ucraina: “Piano B” in corso

Nonostante i 50 voti favorevoli, il pacchetto è stato bloccato con 49 voti contrari, essendo necessari almeno 60 voti favorevoli per la sua approvazione.

Da non perdere

Il Senato degli Stati Uniti ha respinto la proposta di legge che avrebbe garantito un massiccio pacchetto di aiuti e armi per l’Ucraina, almeno per il momento. La decisione, che ha visto il veto dei repubblicani, con l’ombra di Donald Trump dietro le quinte, non segna la fine della vicenda né delle speranze del presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Nonostante i 50 voti favorevoli, il pacchetto è stato bloccato con 49 voti contrari, essendo necessari almeno 60 voti favorevoli per la sua approvazione.

Il leader della maggioranza democratica, Chuck Schumer, ha espresso un voto contrario per motivi procedurali. Questo gli consentirà di presentare una nuova mozione, cercando di far passare una misura che includerà solo i finanziamenti per l’Ucraina, Israele e altre priorità di politica estera, senza legarle a misure anti-migranti al confine meridionale, come originariamente richiesto dai repubblicani.

L’opposizione alla legge nel Senato è stata guidata da Trump, il quale ha dichiarato su Truth, il suo social network, che “solo un pazzo, un democratico della sinistra radicale, potrebbe votare questa orribile legge”. Il presidente Joe Biden si è mostrato sconcertato dal “verdetto”, nonostante nel pacchetto fossero incluse misure per il controllo del confine con il Messico, come richiesto dal GOP. Biden ha accusato i repubblicani di aver fatto marcia indietro a causa delle minacce di Trump.

Schumer, nonostante fosse consapevole dell’esito negativo della votazione, ha deciso di procedere con il voto procedurale, permettendo ai democratici di accusare i repubblicani di opporsi ad azioni efficaci per la sicurezza del confine durante la campagna elettorale.

Tuttavia, Schumer ha già un “piano B” pronto. Ha preparato una nuova mozione per presentare i fondi per l’Ucraina e Israele senza le misure di confine, con la speranza di ottenere il sostegno sufficiente per superare la soglia dei 60 voti e portare il pacchetto in aula per il voto finale. Secondo Schumer, ci sarebbero abbastanza voti repubblicani per raggiungere questo obiettivo.

Ultime notizie