lunedì, 15 Aprile 2024

Sanremo, il costoso ospite Travolta si esibisce con Fiorello: il siparietto all’italiana, fa davvero ancora ridere?

Se l'obiettivo principale delle scenette comiche di Amadeus e Fiorello, questa volta fosse costato troppo caro? John Travolta, sicuramente, è costato ancora più caro.

Da non perdere

Perchè Sanremo è….datato?
Il celebre Festival della canzone italiana ha rappresentato una svolta nel panorama musicale e in quello dello showbusiness, al punto da arrivare alla sua 74esima edizione. Ad oggi, il voler per forza applicare una comicità tipicamente ‘all’italiana’, che fa dell’ignoranza il proprio punto di forza, che al contempo esalta e ridicolizza la tradizione, funziona ancora? Se l’obiettivo principale delle scenette comiche di Amadeus e Fiorello, questa volta fosse costato troppo caro? John Travolta, sicuramente, è costato ancora più caro. La cifra di guadagno dell’attore, per fare la sua comparsa durante la messa in onda del programma, ammonta a 2000.000 euro.

Se l’idea di far ballare a Travolta degli spezzoni di canzoni di suoi vecchi film, rimasti nella storia (Saturday Night Fever, Grease, Pulp Fiction), insegnando ad Amadeus coreografie e passi, sarebbe potuta risultare ben studiata, un tentativo leggero e divertente di rendere omaggio alla carriera del personaggio, ciò che è venuto dopo ha creato il gelo al di fuori e dentro gli schermi delle tv d’Italia. Il presentatore ha accompagnato la celebrity fuori dall’Ariston, dove li aspettava il co-conduttore Fiorello. Tutto ciò che è seguito si è rivelato tragico. Dall’inglese sbiascicante di Fiorello, all’espressione quasi schifata di Travolta al sentir descrivere Amadeus dal co-conduttore come diavolo e, soprattutto comunista : ‘This is devil. This is communist’, per concludersi in una performance ad dir poco fallimentare.  L’esibizione incredibile del ‘Ballo del Qua Qua’ di Fiorello e Travolta, li valeva tutti i 2000.000 euro. >> https://youtu.be/tMvvkXv0EDA

Amadeus con il berretto con la visiera a forma di becco di papera, circondato da ballerine in costume ad accompagnare è stata la ciliegina sulla torta.

Cantare ‘Bella Ciao’ significa essere comunisti?
L’apparentemente innocua battuta di Rosario Fiorello, si riferisce al fatto che Amadeus abbia risposto a una domanda posta dai giornalisti, durante una conferenza stampa insieme al co-presentatore della prima serata, Marco Mengoni, dichiarandosi antifascista e abbia risposto alla richiesta del giornalista Lucci. Lucci ha chiesto ad Amadeus e Mengoni di cantare la canzone partigiana ‘Bella Ciao’.

Se ancora nel 2024 si accosta il comunismo ai partigiani, nel tentativo di provocare un americano, l’ignoranza è ancora vista come fonte di divertimento ed è sempre la protagonista.

Ultime notizie